Giolitti e fascismo: tesina

Appunto inviato da superstar170
/5

Da Giovanni Giolitti alla fine del Fascismo: tesina. Argomenti trattati sono: la prima guerra mondiale, il regime fascista, la seconda guerra mondiale e la resistenza in Italia (33 pagine formato doc)

GIOLITTI E FASCISMO: TESINA

Storia: classe quinta.

Età giolittiana. Nome con cui viene definito il periodo della storia d’Italia che va dal 1901 al 1913, in cui è centrale la figura di Giovanni Giolitti, prima come ministro dell’Interno del governo di Giuseppe Zanardelli e poi come primo ministro. In quegli anni fu impressa una svolta decisiva allo sviluppo economico e sociale dell’Italia e furono gettate le basi per la modernizzazione del paese.
Importantissime furono le riforme e le novità introdotte in campo sociale, politico, economico e in politica estera.

Prima guerra mondiale e fascismo: riassunto


POLITICA DI GIOLITTI

Politica sociale giolittiana - Contrariamente ai governi autoritari che li avevano preceduti, quelli di Zanardelli e di Giolitti riconobbero alle organizzazioni sindacali e al Partito socialista un importante ruolo nella costruzione di una nuova dialettica politica e nella trasformazione in senso liberale delle istituzioni del paese. Divenne così possibile la costituzione del primo importante sindacato italiano, la Confederazione generale del lavoro, che poté operare, senza temere repressioni e intimidazioni, in condizioni di relativa libertà. Soprattutto nei primi anni del XX secolo, furono realizzate importanti riforme sociali: fu istituito un ufficio per la mediazione dei conflitti sul lavoro; fu incentivato il movimento cooperativo; fu introdotta una legislazione per la prevenzione degli infortuni sul lavoro; furono posti limiti al lavoro notturno delle donne e al ricorso ai minori nell’attività produttiva; fu istituito il monopolio statale delle assicurazioni sulla vita con le quali finanziare un istituto pubblico di previdenza sociale (che sarebbe però sorto solo in epoca fascista).

Posizione di Giolitti nella Prima guerra mondiale: riassunto


ETA' GIOLITTIANA: RAPPORTI CON SOCIALISTI E CATTOLICI

La liberalizzazione sindacale e la normativa sociale, oltre che rispondere a precise convinzioni liberali del ceto di governo giolittiano, intendevano anche coinvolgere l’ala riformista del PSI, del quale si temeva la crescente influenza nelle campagne e tra la nascente classe operaia del Nord, fino a proporle l’assunzione di responsabilità di governo, anche al fine di accentuarne i contrasti con i settori massimalisti del partito. Giolitti cercò, con una serie di iniziative culminate nel patto Gentiloni (1913), anche di stabilire un rapporto con l’altro, e ben più esteso, settore della popolazione italiana, quello cattolico, che il non expedit di Pio IX teneva in disparte dalle vicende politiche dello stato unitario. Giolitti favorì quindi il processo di allargamento del diritto di voto, con l’introduzione del suffragio universale maschile. Non riuscì invece a combattere il clientelismo dilagante nella vita politica italiana, né il trasformismo; cercò anzi di usarli a proprio vantaggio.

Dal biennio rosso al fascismo in Italia: riassunto


GIOVANNI GIOLITTI: TESINA

Sviluppo industriale - Le misure sociali e politiche furono funzionali anche all’impulso dato all’industria nazionale, favorita in primo luogo dalla nazionalizzazione delle ferrovie e dal sostegno alla siderurgia e alla cantieristica. Durante l’età giolittiana cominciò a delinearsi un primo autentico sviluppo industriale, che fu tuttavia molto squilibrato e lasciò il Meridione in una condizione di pesante arretratezza. Lo sviluppo industriale fu consentito peraltro solo dalle massicce commesse pubbliche e da un regime di protezionismo doganale.