Guerra fredda: tesina maturità

Appunto inviato da sama85
/5

Guerra fredda: tesina maturità. Argomenti trattati sono: Kennedy, Kruscev, Fidel Castro, Il Nucleare, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale alla Presidenza Kennedy, il Muro di Berlino e la crisi dei missili cubani (22 pagine formato doc)

GUERRA FREDDA: TESINA MATURITA'

La "Guerra fredda" dal 1943 al 1963.

Kennedy, John Fitzgerald
Brookline 29.5.1917 – Dallas 22.11.1963
Politico statunitense. Secondogenito di una delle famiglie più potenti degli Stati Uniti, già attiva nella vita politica statunitense, il padre Joseph infatti fu ambasciatore a Londra dal ‘37 al ’40, partì volontario per la guerra dove divenne ufficiale di una piccola unità nel pacifico che fu affondata poco dopo da un silurante giapponese. Si presentò poi a Boston, nel 1947, quale candidato della camera dei rappresentanti e nel ’53 come senatore venendo eletto in entrambi i casi grazie ad una serie di iniziative che gli procurarono fra l’altro una vasta notorietà.
Sull’onda delle vittorie elettorali e spinto dal forte consenso dell’opinione pubblica si candida alle presidenziali del 1960 dove sconfigge il candidato repubblicano Richard Nixon (1913-1994) per pochi voti divenendo così il 35° presidente degli Stati uniti, il più giovane della storia e il primo cattolico.

Guerra fredda: tesina maturità


TESINA MATURITA' GUERRA FREDDA RAGIONERIA

Durante la sua presidenza intraprese un vasto programma di riforme. In politica estera proseguì la linea di netto anticomunismo dei suoi predecessori ma dopo la fallita invasione di esuli anticastristi nella Baia dei Porci si adoperò verso la ricerca nella distensione con l’URSS. Nonostante la grave crisi del ’62 con la scoperta di basi di lancio per missili a testata nucleare sovietiche sull’isola di Cuba, giunse, nell’Agosto del 1963, a un accordo per una moratoria degli esperimenti nucleari con la Russia di Kruscèv (1894-1971). Sempre in quell’anno, ampliò l’intervento americano in Vietnam con l’invio di 16.000 marines per il sostegno al governo di Saigon contro la guerriglia del nord (Vietcong). In politica interna lanciò il progetto di "Nuova Frontiera" contro la povertà e mostrò un atteggiamento di apertura verso il movimento dei diritti civili, avviò inoltre i nuovi programmi di assistenza sociale che furono in seguito portati a compimento dal suo successore Lyndon Johnson (pres. 1963-1968). Il 22 Novembre 1963, infatti, nel corso della sua compagna elettorale per le presidenziali del ’64, fu assassinato a Dallas da uno squilibrato in circostanze mai chiarite, nonostante le numerose inchieste pubbliche e giudiziarie (rapporto Warren).

Guerra fredda: tesina di storia


LA GUERRA FREDDA

KRUSCEV, Nikita Sergeevic. Kalinovka 17.4.1894 - Mosca 11.9.1971 - Politico russo. Di famiglia molto povera e combattente nell’Armata Rossa, dopo una lunga carriera negli organismi subordinati del PCUS, ne diviene attivissimo primo segretario dopo la morte di Stalin avvenuta nel 1953. In particolare avviò, con il suo intervento al XX° congresso del PCUS (1956), un processo di revisione critica dei metodi politici e degli obbiettivi economici di Stalin con in seguito fu chiamata destalinizzazione non esitando però a reprimere, anche con la forza, l’ondata rinnovatrice che il suo discorso innescò nell’Europa Orientale (Polonia e Ungheria nel 1956). In politica estera numerose e significative furono le sue iniziative a favore della creazione di un clima di distensione a livello internazionale e soprattutto con gli americani. Divenuto poi presidente del consiglio nel ’58, e grazie al maggior consenso che si era creato verso di lui all’interno del partito, attuò con successo la sua politica di disgelo verso gli USA che culminarono negli incontri bilaterali del ’59 di Camp David; ma una serie di sconfitte in politica estera e interna tra il ’62 e ’63, come la crisi di Cuba e la rottura politica con la Cina, o le ingenti quantità di grano comprate agli Stati Uniti per supplire al fabbisogno nazionale portarono al suo allontanamento dal potere da parte del Praesidium del Soviet Supremo il 15 Ottobre 1964.