Tesina sui moti rivoluzionari del 1820 e 1830

Appunto inviato da dudu02
/5

Moti rivoluzionari in Italia e Europa tra il 1820 e il 1830: tesina (27 pagine formato pps)

I MOTI RIVOLUZIONARI DEL 1820 E 1830

Le aspirazioni libertarie e i moti rivoluzionari degli anni 1820-1830.
Con il congresso di Vienna le potenze europee cercano di assorbire la Rivoluzione riportando sui troni le monarchie regnanti prima della parentesi napoleonica ma La Restaurazione implica non solo il ritorno  al regime politico precedente ma anche alla mentalità, allo stile di vita e alle scelte economiche e sociali antecedenti la Rivoluzione invece L’esperienza rivoluzionaria e napoleonic politica, destinata a sfociare in aperta lotta  per quei “diritti naturali”, come la libertà, la  sovranità popolare e l’indipendenza nazionale.
La causa scatenante è LA DIFFUSIONE DI UNA NUOVA MENTALITA’ COLLETTIVA DOVUTA A:
Nascita del concetto di Patria e Nascita del Romanticismo

I moti del 1820-31: riassunto

 

I MOTI RIVOLUZIONARI DEL 1820 E 1830 IN EUROPA

IL ROMANTICISMO IN ITALIA
In Italia dove il Romanticismo si indirizzò soprattutto verso l’impegno politico, questi temi trovarono una cassa di risonanza nella rivista “Il Conciliatore”, giornale pubblicato a Milano tra il 1818 e il 1819 che ebbe tra i suoi fondatori Silvio Pellico, Giovanni Berchet e Federico Confalonieri, tutti impegnati nella lotta al governo austriaco (per questo “Il Conciliatore”venne sospeso dopo un solo anno di vita).
Anche grazie a quest’ultimo i termine “romantico” divenne sinonimo di “liberale”, “patriota”.
L’aspetto impegnato del romanticismo in Italia si saldò poi al CATTOLICESIMO LIBERALE, dottrina che puntava a conciliare  il liberismo con il cattolicesimo e rivendicava la libertà politica come il diritto inalienabile dei popoli e il primato del principio di nazionalità su quello di legittimità.
Inoltre all’interno del romanticismo italiano vi era una corrente minoritaria, il LIBERALISMO DEMOCRATICO e ANTIBORGHESE, che si richiamava ancora agli ideali rivoluzionari di uno Stato repubblicano fondato sulla piena sovranità popolare e su un programma socialmente ed economicamente egualitario.

Moti rivoluzionari: riassunto breve

.