Tesina sulla Shoah

Appunto inviato da ale63
/5

Relazione sul periodo storico della Shoah. Tesina sulla shoah per la maturità e anche per gli esami di terza media (8 pagine formato doc)

TESINA SULLA SHOAH

Shoah Termine ebraico che significa “sterminio”, col quale si indica la persecuzione e il programmatico genocidio degli ebrei europei da parte del regime nazista nel corso della seconda guerra mondiale.
Per indicare l’evento è comunemente anche se impropriamente usato il termine olocausto, che in greco originariamente definiva il rito religioso in cui l’offerta era distrutta dal fuoco.
Senza la sconfitta nella prima guerra mondiale e l’umiliazione della Germania, senza il caos politico e sociale della repubblica di Weimar, non ci sarebbe stato il nazismo.
Per tutti i tedeschi, la pace firmata a Versailles è un’ignominia, una pugnalata alla schiena che lascia più rabbia che amarezza. Gli avvenimenti che seguono la sconfitta contribuiscono ancora di più ad esasperare gli animi. Una repubblica senza legittimazione popolare non appare in grado di far fronte a tutte le tensioni sociali.

Tesina sulla Shoah ebraica


TESINA SULLA SHOAH TERZA MEDIA

L’esercito mugugna e dialoga con la destra, che si fa portavoce del disagio dei soldati, smobilitati dopo il 1918 e gettati sul lastrico. Gli assassini politici non si contano più: il più illustre quello di Rathenau, ministro degli esteri, di Weimar, ucciso perché ebreo e per la sua volontà di applicare gli accordi di Versailles. A Monaco di Baviera si instaura per breve tempo un governo comunista, che è spazzato via col sangue. E proprio a Monaco torna il caporale Adolf Hitler, un incapace, un giovane privo di attitudini, un bambino prima,un ragazzo poi, timido, introverso, solitario.
Eppure l’uomo del destino per un paese sconfitto e umiliato, pronto ad accettare il messaggio di orgoglio, del primo che l’avrebbe portato al riscatto.

Tesina sulla shoah: lo sterminio degli ebrei


TESINA SULLA SHOAH MATURITA'

Adolf Hitler, bocciato in tutte le scuole, anonimo caporale austriaco reduce di guerra, che viene subito impiegato in una commissione d’inchiesta che deve accertare le responsabilità delle persone implicate nel regime sovietico appena sconfitto. E’ la sua prima attività quasi politica. C’è un episodio che poi rispecchierà quanto poi sarebbe accaduto, Hitler prende parte ad una conferenza, dove un oratore si esprime a favore degli ebrei, e lui si alza e replica violentemente, conquistandosi così il plauso dei suoi superiori. Nel settembre del 19, l’incontro fatale con l’incarico di occuparsi di un piccolo gruppo di estrema destra, il Partito dei lavoratori tedeschi. Qui conosce Drexler, un fabbro che aveva dato vita ad un comitato antimarxista, che qualche storico identifica come il vero fondatore del Nazionalsocialismo. Drexel dà a Hitler un opuscolo, che contiene tutti i principi ai quali si ispirerà il programma nazista.

Tesina sulla shoah


TESINA DI STORIA SULLA SHOAH

In breve Hitler sì iscrive al partito, diventandone subito uno dei più accaniti agitatori e nel febbraio del 20 presenta il programma ufficiale della formazione politica in 25 punti, primo fra tutti l’unione dei tedeschi nella grande Germania, poi la denuncia del trattato di Versailles, l’esclusione degli ebrei dagli incarichi pubblici e dalle libere professioni, (infatti, dal 1933 al 1939 il Partito nazista, enti governativi, banche e imprese private misero in atto un’azione comune volta a emarginare gli ebrei dalla vita economica del paese, i non-ariani vennero licenziati dalla pubblica amministrazione.