Tesina sulla vita nei campi di concentramento

Appunto inviato da kebabbaro
/5

L'alimentazione, la denutrizione e le malattie dei prigionieri e le violenze sulle donne nei campi di concentramento: tesina sulla vita nei campi di concentramento con quadro storico e citazioni dei deportati (7 pagine formato pdf)

TESINA SULLA VITA NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO

La vita nei campi di concentramento.

Quadro storico. Dopo aver perso la guerra, in Germania si era creata la Repubblica di Weimar con un governo".
formato da deputati socialdemocratici che rappresentavano la maggioranza del Parlamento. I suoi ministri si erano recati alla conferenza di Versailles con lo scopo di ottenere una "pace onorevole", ma furono trattati con disprezzo e molte delle condizioni furono solo umilianti come dover ripagare i danni di guerra e fimare una "dichiarazione di colpevolezza", Ad esse si aggiungevano altre,condizioni quali: la Germania deve restituire alla Francia l'Alsazia e la Lorena, perdere le colonie in Africa e Asia, doveva consegnare la flotta e decimare l'esercito, doveva accettare l'occupazione francese sulla riva sinistra del Reno e cedere Danzica alla Polonia.
Questo scatenà l'ira tedesca che chiamò la pace "pace infame".

La vita nei campi di concentramento: riassunto


VITA NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO: TESTIMONIANZE

I partiti di destra gridavano al tradimento e via via che le conseguenze si facevano sentire, le loro accuse trovano terreno. L'economia già sul lastrico, con la
perdita della zona mineraria dell'Alsazia e la Lorena, vide chiudere le fabbriche, nel giro di pochi giorni una disoccupazione altissima e un inflazione che rovinò il ceto medio e ridusse alla fame gli operai. Nel novembre del 1923 l kg di pane costava 201 miliardi di marchi tedeschi. E come spesso avviene il dittatore entra in mostra nei momenti di crisi. In quegli anni un esponente della destra fondò le SA o "camicie brune" simili alle squadracce di Mussolini. Egli era Adolf Hitler un caporale della Prima guerra mondiale che condivideva le idee di fondo del fascismo e che vedeva come suo massimo sostenitore il ceto medio. Le sue idee non erano molte, ma erano così ossessive che riuscì a scriverei un libro: Mein Kampf, "La mia battaglia".

Cosa sono i campi di concentramento: tesina


DENUTRIZIONE NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO

In esso esaltava la potenza della guerra, prevedeva per la Germania un destino di conquiste soprattutto verso est, combatteva I banchieri e I social-comunisti; ma soprattutto proclamava l'antisemitismo, cioè l'odio di razza contro gli ebrei. Nel 1923 provò il colpo di stato a Monaco spalleggiato dalle SA, ma fu scoperto e imprigionato. Appena uscì di prigione Hitler fondò il partito nazionalsocialista o nazista. Grazie a un programma che prevedeva l'annientamento bolscevico, l'annullamento del trattato di Versailles, la fine della disoccupazione, l'esaltazione della razza tedesca e ariana, riuscì ad avere un clamoroso successo.

Campi di concentramento e di sterminio: ricerca


VIOLENZA SULLE DONNE NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO

Nel 1932 il partito nazista aveva accolto nuovi membri e le SA di giorno marciavano per le strade raccogliendo applausi, mentre di notte organizzavano spedizioni punitive. Tra il 1932 e il 1933 I socialdemocratici avevano perso la maggioranza in Parlamento e I tedesci furono chiamati lle urne per 3 volte. In queste votazioni il partito nazista si affermò il primo partito tedesco e in molti dissero che senza di loro era impossibile governare. Pertanto nel 1933 il Presidente della Repubblica Ridenburg nominò Hitler cancelliere. Nello stesso anno il Reichstag, sede parlamentare, fu bruciato. Incendio probabilmente appiccato dai nazisti, ma la polizia riconobbe come responsabile un comunista; con questo Hitler potè scatenare la caccia ai comunisti che furono
rinchiusi nei Lager: I "campi di concentramento" situati in posti isolati e dichiarare la fine dell'attività parlamentare.