Cos'è il metano: tesina

Appunto inviato da paoloyea
/5

Cos'è il metano? Come si estrae? Tesina di scienze sul metano (8 pagine formato docx)

COS'E' IL METANO: TESINA

Le fonti di energia.

Il metano. Indice:
1. Definizione e classificazione delle fonti di energia
2. Tecniche di estrazione del metano
3. Lavorazione,trasporto e uso del metano
4. Diffusione in Italia e nel Mondo del metano
5. Centrale elettriche collegate all’uso del metano
Vignetta
Frottage

Metano, gas naturale: riassunto

FONTI DI ENERGIA

Classificazione e definizione delle fonti di energia.
Le fonti di energia si classificano in:
- Fonti Esauribili
- Fonti Rinnovabili
Le fonti esauribili sono costituite da:
A.

Metano
B. Carbone
C. Petrolio
Le fonti rinnovabili sono costituite da:
A. Vento
B. Sole
C. Acqua
D. Geotermia

Cos'è il metano e come si estrae

COME SI ESTRAE IL METANO

Le fonti di energia esauribili sono definite Tradizionali e attivano le centrali elettriche.Un modo per produrre energia elevata quanto con le fonti esauribili è con l’uranio ma e una sostanza pericolosa per le sua radioattività. Le fonti energetiche o fonti di energia, rappresentano le sorgenti di energia a disposizione dell'umanità che possono essere utilizzate per eseguire un lavoro, produrre calore e comunque ottenere una utilità.
Tecniche di resistenza del metano. Il Metano (scoperto da Alessandro Volta) abbonda nelle regioni petrolifere, ma può anche trovarsi in zone povere o addirittura prive di petrolio perchè i gas tendono a spostarsi nel sottosuolo con maggior facilità dei liquidi, accumulandosi in sacche. Si può formare anche dalla putrefazione delle sostanze organiche presenti nelle acque stagnanti, infatti nell'antichità era conosciuto con il nome di gas delle paludi. Si trova a grandi profondità da dove viene estratto con trivellazioni, utilizzando un procedimento simile a quello del petrolio; trovandosi sotto forte pressione, quando la sonda raggiunge la sacca dove si è accumulato, fuoriesce con grande violenza.

Approfondisci: tutto su Alessandro Volta

METANO GAS NATURALE

Lavorazione, trasporto e uso del metano. Lavorazione: Il metano è il risultato della decomposizione di alcune sostanze organiche in assenza di ossigeno. È quindi classificato anche come biogas. La maggior parte del metano viene ottenuta per estrazione dai suoi giacimenti sotterranei, dove spesso è abbinato ad altri idrocarburi, frutto della decomposizione di sostanze organiche sepolte in profondità in tempi preistorici.
Le principali fonti di emissione di metano nell'atmosfera sono:
1. decomposizione di rifiuti solidi urbani nelle discariche
2. fonti naturali (paludi): 23%
3. estrazione da combustibili fossili: 20%
4. processo di digestione degli animali (bestiame): 17%
5. batteri trovati nelle risaie: 12%
6. riscaldamento o digestione anaerobica delle biomasse.
Dal 60% all'80% delle emissioni mondiali è di origine umana. Esse derivano principalmente da miniere di carbone, discariche, attività petrolifere , gasdotti e agricoltura. Oltre a ciò, si stima che esistano grandi quantità di metano in forma di clatrati di metano sui fondali oceanici.
Trasporto: Il metanodotto è una infrastruttura di trasporto del gas naturale (metano). Sono composti da un sistema di tubature in grado di congiungere il luogo di produzione del gas con il luogo di consumo. I metanodotti sono utilizzati prevalentemente per il trasporto di metano e sono anche conosciuti in forma più generale come gasdotti. Il gas naturale viene pompato sotto pressione nelle pipeline del gasdotto. Lungo il percorso sono interposte delle stazioni di compressione allo scopo di mantenere costante la pressione e la temperatura del gas nelle tubature. Le pipeline sono situate nel sottosuolo a pochi metri dalla superficie o posate sui fondali marini. Giunto alla fine del gasdotto il gas naturale è introdotto nella rete distributiva fino a giungere alla porta degli utenti finali (case, industrie, centrali termoelettriche).