Tesina sull'abitazione dalla preistoria ad oggi

Appunto inviato da leoneverdenero
/5

Tesina sull'evoluzione delle case preistoriche nel tempo: le funzioni e le diverse tipologie di abitazioni dell'uomo (3 pagine formato doc)

TESINA SULL'ABITAZIONE DALLA PREISTORIA AD OGGI

Case
1.

Abitazioni dei primitivi
Il problema della casa si pose all'uomo primitivo probabilmente quando dovette rinunciare ai ripari naturali che originariamente gli servivano come abitazione, cioè cespugli, alberi cavi, buche nel suolo e principalmente le caverne, o più semplicemente dei massi sporgenti che opponevano un ostacolo, anche parziale, al vento e alla pioggia. Dovendosi continuamente spostare per inseguire la selvaggina, per cercare regioni più ospitali, o, più tardi, pascoli più ricchi per il suo bestiame, l'uomo della preistoria si trovò nella necessità di procurarsi un riparo che non dipendesse totalmente dalle imprevedibili condizioni climatiche e ambientali dei vari luoghi e offrisse protezione a quel bene prezioso che era il fuoco. Questo riparo doveva potersi costruire semplicemente, con gli strumenti rudimentali e i materiali di cui disponeva, e poiché la maggior parte dei popoli primitivi era nomade, il riparo esigeva di essere fatto in modo da potersi smontare e trasportare facilmente.

La preistoria: l'evoluzione dell'uomo

CAPANNA PREISTORICA

E' proprio da questa esigenza legata alla vita nomade che sembra essere nata la capanna preistorica.

L'abitazione dell'uomo paleolitico è la capanna.  Essa era costruita per lo più con tronchi, rami, ossa e rivestita di pelli e frasche. Delimitava uno spazio chiuso che proteggeva dal vento e dalla pioggia e all'interno si poteva mangiare e dormire.
L'uomo di questo periodo non si muoveva mai da solo perché sarebbe stato troppo debole di fronte ad un grande animale. Un gruppo invece poteva preparare molte trappole per catturarlo e del resto un solo animale di notevoli dimensioni era sufficiente per sfamare molti uomini. Questi piccoli gruppi comprendevano di solito dai venti ai cento membri, come si è potuto dedurre dal numero dei focolari di ogni comunità e si spostavano da una località all'altra.

Evoluzione dell'uomo: riassunto

LE PRIME ABITAZIONI

Le palafitte erano un tipo di abitazione costruita su una piattaforma sorretta da pali piantati nell'acqua di un lago o di un fiume in modo da essere circondate e difese. Ogni palafitta aveva due uscite: l'una immetteva alla piattaforma collegata alla riva attraverso una passerella, anche questa sostenuta da pali conficcati nel terreno, l'altra comunicava direttamente con l'acqua e veniva usata come scarico dei rifiuti o serviva al capo famiglia per pescare più comodamente. Queste abitazioni erano costruite sull'acqua con uno scopo ben preciso: difendersi dagli animali feroci, e dai nemici.

Origine dell'uomo e la sua evoluzione: riassunto

TIPI DI ABITAZIONI NEL MONDO

2. Abitazioni degli egiziani
Le case degli egiziani poveri erano costruite probabilmente da una sola stanza ed erano fatte di canne, di legno e di fango. Erano fatte da un'unica stanza ed erano scomode, ma nonostante le dimensioni, riparavano bene.
Gli operai mescolavano il fango denso, viscoso del Nilo con della sabbia o con della paglia triturata per dargli la giusta consistenza.