Tesina di terza media sulla seconda rivoluzione industriale

Appunto inviato da vitozanni
/5

Tesina di terza media sulla seconda rivoluzione industriale: storia, Futurismo (arte), Marinetti, Giappone e storia della seconda rivoluzione industriale in inglese (8 pagine formato doc)

TESINA TERZA MEDIA SULLA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Seconda rivoluzione industriale: tesina di terza media.

Storia: la seconda rivoluzione industriale. Nella seconda metà dell’ottocento, Germania, Francia, Belgio, Austria, Svizzera, Stati Uniti e Giappone ebbero una nuova espansione industriale. La seconda industrializzazione, a  differenza della prima, si diffuse anche in paesi periferici come Russia e Italia, anche se più tardi e a fatica.
La ferrovia si diffuse rapidamente in questi paesi (per questo motivo fu coniato il termine “età delle ferrovie o del ferro”).
L’estensione della rete ferroviaria provocò l’enorme sviluppo del settore siderurgico e meccanico; si iniziò ad usare il ferro per costruire mezzi di trasporto e binari. Furono poi realizzate grandi opere per costruire ponti, gallerie e trafori.
I treni iniziarono a muoversi più velocemente(la velocità passò da 55 a 70-80 km orari). Migliorò anche il sistema di frenatura e la struttura del treno stesso; le carrozze divennero più comode per i viaggiatori e furono costruite in metallo. Furono introdotte le carrozze –ristorante e i vagoni a letto. Le carrozze furono inoltre riscaldate e illuminate.

Tesina sulla rivoluzione industriale e il motore a scoppio


COLLEGAMENTI SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PER ESAMI

Nella seconda metà dell’ Ottocento ci furono numerose scoperte, invenzioni e ritrovati tecnici che resero più agevole l’industrializzazione. Nacque cosi il motore a scoppio, che avrebbe rivoluzionato i trasporti. Sorsero inoltre diverse aziende elettromeccaniche.
Le principali furono: Storia dell'arte: il futurismo. L’Italia dell’inizio del ‘900 vive con ritardo la propria rivoluzione industriale, alla quale si accompagna l’incremento demografico delle città. In questo contesto, dal punto di vista artistico, si sviluppa il futurismo. Di particolare importanza sono le serate futuriste che si tenevano al Teatro Politeama di Torino e in occasione di una serata, l’8 marzo 1910, fu reso noto il manifesto dei pittori futuristi, firmato da Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Luigi Russolo, Giacomo Balla e Gino Severini.

Tesina sulla Seconda rivoluzione industriale


TESINA TERZA MEDIA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE E COLLEGAMENTI

Il futurismo aveva un programma rivoluzionario che intendeva abolire le vecchie tradizioni culturali italiane. Inoltre c’è una vera e propria rivoluzione tipografica che modifica completamente la pagina tradizionale, con caratteri e forme diverse; questo tipo di pagina veniva definita tavola parolibera, di cui l’esempio più importante è Zang Tumb Tumb di Filippo Tommaso Marinetti che venne pubblicato nel 1914. In questo libro l’autore racconta l’esperienza di guerra che egli ha vissuto in prima persona. Dal punto di vista artistico il futurismo esalta la velocità, il dinamismo e la tecnologia. Tra i pittori più importanti ricordiamo Umberto Boccioni, il quale partecipa a numerose manifestazioni futuriste sia in Italia sia in Europa, soprattutto a Parigi. Il suo lavoro più importante è La città che sale, del 1911, il cui protagonista è un vertiginoso affollarsi di cavalli e di uomini che invadono completamente lo spazio della tela. Lo scenario è quello della città che si sta sviluppando.