Armonia tra contrari: tesina

Appunto inviato da pierclaudio
/5

Tesina interdisciplinare alla scoperta dei contrari apparentemente inconciliabili, ma in realtà cooperanti per dare vita a fenomeni importanti. In un continuo processo dialettico, un viaggio tra materie letterarie e scientifiche. Tesina maturità sull'armonia tra i contrari (39 pagine formato doc)

ARMONIA TRA CONTRARI: TESINA

Fin dall’antichità in ogni ambito della vita, spesso è possibile rintracciare una serie di elementi che si determinano in opposizione con altri ancora.

Queste contraddizioni sono frutto di diverse caratteristiche chimiche, fisiche, spirituali, morali, etiche. Ogni oggetto ha di per sé un suo opposto che lo identifica  nella realtà, e spesso la loro diversità diventa motivo di interazione tra i due oggetti che danno vita a fenomeni importanti condizionati proprio da queste forze opposte che spingono elementi discordi a cooperare per produrre energia, relativismo, umorismo, stati d’essere. La vita si basa sugli opposti, inconciliabili solo in apparenza, poiché necessari o impliciti all’esistenza.

Tesina sugli opposti: il contrasto generatore

 

TESINA ARMONIA DEGLI OPPOSTI

Il legame fra due polarità opposte crea energia.

Lo scorrere dell’energia da un polo all’altro le unifica. Energia che fluisce nei diversi mezzi, come il corpo umano e la natura. Questo spostarsi fluido dovrebbe evitare gli eccessi, distribuendo l’energia equamente.   La contrapposizione delle due polarità è necessaria, come contrappeso per dare quella vitalità, quel meccanismo, quella finalità ad ogni azione od ad ogni oggetto.
Anche Eraclito aveva, già nel V sec. a.C., individuato i contrari come una serie di opposizioni che si verificano col passare del tempo diceva: “ le cose calde si raffreddano, le cose umide si risecchiscono…” in questa perfetta armonia di contrari, il filosofo greco trovava il principio della realtà che con quanto mutabile si può percepire grazie a questo continuo divenire.

Tesina maturità: il bianco e il nero

 

TESINA L'EQUILIBRIO DEGLI OPPOSTI

Questa continua opposizione nel tempo è costretta a cambiare in un continuo e inspiegabile divenire. Due forze opposte nella loro natura, che governano o limitano tutte le cose, e impediscono troppo eccesso o troppa mancanza si completano quando in un’azione reciproca trovano equilibrio. Tutti i fenomeni, tutte le cose visibili, tutta la vita sulla terra, tutti gli avvenimenti hanno luogo tra forze opposte, o poli opposti, ora oscillando da una parte e ora dall'altra, così che la guerra segue la pace e la pace la guerra; la carestia segue l'abbondanza e l'abbondanza la carestia; e così via. È un continuo susseguirsi. Questo significa che ogni cosa ha una fine e che nel tempo diventa il suo opposto. Che vuol dire la “fine” di una cosa?  La fine del dolore é la gioia: la fine del pianto é il riso. Cioè la fine di ogni cosa é il suo opposto. La fine della guerra é la pace e la fine del dolore é quel sollievo dal dolore per cui non abbiamo una parola esatta. Quel sollievo che fa star bene, che da salute. L'antico medico Greco Ippocrate, che visse nel V secolo a.C., insegnava che la salute é un’armonia o equilibrio tra diverse forze o elementi, e la malattia é il risultato del rafforzamento dell'uno o dell’altro.