Medea di Euripide: traduzione

Appunto inviato da moira4e
/5

Traduzione del monologo della Medea di Euripide, vv 1-48 (2 pagine formato doc)

MEDEA DI EURIPIDE: TRADUZIONE

Medea di Euripide.

Traduzione prologo. NUTRICE:Magari la nave Argo non fosse volata fino la terra dei Colchi, attraverso le Simplegadi scure. Ne fosse mai caduto nelle valli del Pelio il pino tagliato nè avessero fornito remi alle mani degli eroi che andarono a recuperare la pelle tutta d'oro, per  Pelia. La mia padrona, Medea, non avrebbe navigato alle torri della terra di Iolco,colpita nell’animo dall'amore per Giasone. E non avrebbe abitato in questa terra corinzia, dopo aver persuaso le figlie Peliadi a uccidere il padre, con il marito e i figli, cercando di piacere ai cittadini, nella cui terra era giunta in esilio,inoltre aiutando in tutto Giasone stesso.
Ed è la più grande salvezza quando una donna non sia in disaccordo con il marito. Ora dunque tutto le è nemico, e le cose più care sono malate. Infatti dopo aver tradito i suoi figli e la mia padrona, Giasone si è unito in nozze regali, sposando la figlia di Creonte che regna su questa terra.

Le supplici di Euripide: trama e significato


MONOLOGO DI MEDEA EURIPIDE

Medea dunque, l'infelice, disonorata, grida i giuramenti, reclama la destra, il più grande pegno di fedeltà ; e chiama gli dèi a testimoni di quale ricompensa ottenga da Giasone. Giace dunque senza cibo, abbandonato il corpo al dolore, consumando tutto il tempo in lacrime, da quando ha saputo di essere stata offesa dal marito. Senza alzare lo sguardo, senza distogliere il viso da terra: ma come rupe o flutto marino ascolta gli amici quando viene consigliata. Se mai qualche volta, volgendo il candido collo,con re stessa rimpiange il caro padre, e la propria terra, e le proprie cose tradendo le quali essa giunse qui con un uomo che adesso l’ha disonorata. Ha capito dunque la misera, sotto i colpi della sventura che cosa significherebbe non aver abbandonato la terra paterna. Ma essa odia i figli e non si rallegra  a vederli. Ho timore che essa mediti qualcosa di insolito infatti è violenta nell’animo, e non sopporterà di subire dei torti: io la conosco e temo che lei, entrando in silenzio nel palazzo laddove si trova steso il letto, cacci attraverso il fegato un pugnale affilato affilata oppure uccida il sovrano, e colui che l’ha sposata, e che poi riceva una sventura ancora più grande. Infatti è tremenda, infatti non facilmente chi entra in conflitto con lei canterà un inno di vittoria. Ma ecco i suoi figli avanzano, dopo aver terminato dalla corsa: senza pensare per niente ai dolori della madre infatti una mente giovane non ama soffrire.

Ricerca su Euripide


MEDEA EURIPIDE: TRADUZIONE PRIMO EPISODIO

MEDEA:Donne di Corinto, sono uscita di casa perché voi non mi biasimiate. Conosco infatti molti dei mortali che sono venerandi,alcuni lontano dagli occhi altri in pubblico: altri invece (a causa del loro piede tranquillo) per la loro riservatezza si procurano cattiva fama di inerzia. Non c’è giustizia negli occhi dei mortali, se uno prima di aver conosciuto bene l’animo di un uomo lo odia al primo sguardo (dopo averlo guardato) senza essere stato in nulla offeso. È necessario poi che uno straniero si adegui davvero alla città ma non lodo davvero un cittadino che è  arrogante ed è fastidioso ai suoi concittadini per non essere conosciuto.