L'avaro di Teofrasto

Appunto inviato da amorissimo89
/5

Brano di Teofrasto sulla figura dell'avaro (1 pagine formato doc)

L’avarizia, di cui parliamo, è il darsi da fare per ottenere guadagni svergognati e questo tipo di avaro è quello che non mette abbastanza pane davanti ai suoi ospiti e che è capace di prendere un prestito dall’amico che ospita in casa.
Quando fa le porzioni dice che è giusto che chi fa le parti riceva una doppia porzione e subito se la fa per sé. Se offre vino ad un amico lo annacqua anche a lui. A teatro porta i suoi figli solo quando gli impresari lasciano entrare gratis. Se viaggia per un’ambasceria pubblica, lascia a casa il denaro avuto dalle città e si fa prestar i soldi dai compagni d’ambasceria. Al suo servo poi carica sulle spalle un peso più grosso di quanto possa portare e, rispetto a tutti gli altri, è quello che gli da meno da mangiare.
Dei regali fatti all’ambasceria, pretende la sua parte e la rivede. Nei bagni si unge e dice allo schiavo “questo olio che hai comprato è rancido” e poi si unge con l’olio degli altri. Delle monete di rame che il suo servo trova, ne pretende metà “perché Hermes è comune”. Egli da il mantello da lavoro, ne prende in prestito uno da un conoscente e lascia trascorrere più giorni del necessario (senza restituirlo), finché non glielo richiedono. Ed ancora: quando deve misurare le granaglie alla famiglia, usa ancora uno staio fidonico , per di più con il fondo infossato e poi lo rasa ben bene. Egli vende sottoprezzo le cose di un amico che invece pensa di vender bene. Se deve restituire un debito di 30 mine, trattiene come sconto 4 dracme. Se i suoi figli per malattia non hanno potuto andare a scuola tutto il mese, detrae l’importo corrispondente dalla mesata del maestro. Nel mese di Antisterione non li manda neppure a scuola perché ci sono troppi giorni festivi e così risparmia soldi. Quando lo schiavo gli porta i soldi per il suo noleggio, pretende persino una percentuale per il cambio delle monete di rame in argento e fa il contrario quando deve pagare il conto dell’amministratore. Quando offre un banchetto alla sua fratrìa, pretende che i suoi schiavi siano sfamati dalla cassa comune. Poi prende