Carme 15, 16 e 17 di Catullo: testo e traduzione

Appunto inviato da silveretta13
/5

Testo e traduzione del Carme 15, Carme 16 e Carme 17 di Catullo (2 pagine formato doc)

CARME 15 CATULLO: TESTO

Carme 15 di Catullo.

Commendo tibi me ac meos amores, Aureli. veniam peto pudentem, ut, si quicquam animo tuo cupisti, quod castum expeteres et integellum, conserves puerum mihi pudice, non dico a populo-- nihil veremur istos, qui in platea modo huc modo illuc in re praetereunt sua occupati-- verum a te metuo tuoque pene infesto pueris bonis malisque. quem tu qua lubet, ut lubet moveto quantum vis, ubi erit foris paratum: hunc unum excipio, ut puto, pudenter. quod si te mala mens furorque vecors in tantam impulerit, sceleste, culpam, ut nostrum insidiis caput lacessas.
a tum te miserum malique fati! quem attractis pedibus patente porta percurrent raphanique mugilesque.

Carme 15 di Catullo: traduzione, analisi e commento

CARME 15 CATULLO: TRADUZIONE

TRADUZIONE: Raccomando a te me ed i miei amori, Aurelio. Chiedo un favore riservato, che, se hai adocchiato qualcosa col tuo cuore, e la vorresti casta ed interrotta, mi salvaguardassi pudicamente il ragazzo, non dico dal popolo - per nulla temiamo quelli, che in piazza ora qua ora là passano occupati in loro faccende - ma temo da parte tua e del tuo pene nefasto per ragazzi buoni e cattivi. Tu maneggia chi ti piace, dove ti piace, quanto vuoi, fuori, quando sarà pronto: questo solo accolgo, come credo, riservatamente. Che se una brutta intenzione ed un furore pazzo ti spingerà a sì grave colpa, disgraziato, da aggredire con insidie la nostra testa… oh allora povero te, per il misero destino! E te, aperta la porta e legati i piedi, ti attraverseranno ravanelli e cefali.

CARME 16 CATULLO: TESTO

CARME 16 - Pedicabo ego vos et irrumabo, Aureli pathice et cinaede Furi, qui me ex versiculis meis putastis, quod sunt molliculi, parum pudicum. nam castum esse decet pium poetam ipsum, versiculos nihil necesse est; qui tum denique habent salem ac leporem, si sunt molliculi ac parum pudici, et quod pruriat incitare possunt, non dico pueris, sed his pilosis qui duros nequeunt movere lumbos. vos, quod milia multa basiorum legistis, male me marem putatis? pedicabo ego vos et irrumabo.

CARME 16 CATULLO: TRADUZIONE

TRADUZIONE CARME 16: Io vi irrumerò ed impalerò, Aurelio culano ed invertito Furio, che dai miei versicoli mi giudicaste, percè son delicatucci, poco pudico. E' bene che il pio poeta sia casto lui, i versicoli per nulla è necessario (lo siano); ma quelli che poi hanno sale ed arguzia, se son delicatucci e poco pudichi, e che posson eccitare ciò che prude, non dico ai ragazzi, ma a questi pelosi che, induriti, non riescon a muovere i lombi. Voi, che leggeste molte migliaia di baci, mi giudicate male come maschio? Io vi irrumerò ed impalerò.

CARME 17 CATULLO: TESTO

CARME 17 - O Colonia, quae cupis ponte ludere longo, et salire paratum habes, sed vereris inepta crura ponticuli axulis stantis in redivivis, ne supinus eat cavaque in palude recumbat: sic tibi bonus ex tua pons libidine fiat, in quo vel Salisubsili sacra suscipiantur, munus hoc mihi maximi da, Colonia, risus. quendam municipem meum de tuo volo ponte ire praecipitem in lutum per caputque pedesque, verum totius ut lacus putidaeque paludis lividissima maximeque est profunda vorago. insulsissimus est homo, nec sapit pueri instar bimuli tremula patris dormientis in ulna. cui cum sit viridissimo nupta flore puella et puella tenellulo delicatior haedo, adservanda nigerrimis diligentius uvis, ludere hanc sinit ut lubet, nec pili facit uni, nec se sublevat ex sua parte, sed velut alnus in fossa Liguri iacet suppernata securi, tantundem omnia sentiens quam si nulla sit usquam; talis iste meus stupor nil videt, nihil audit, ipse qui sit, utrum sit an non sit, id quoque nescit. nunc eum volo de tuo ponte mittere pronum, si pote stolidum repente excitare veternum, et supinum animum in gravi derelinquere caeno, ferream ut soleam tenaci in voragine mula.

CARME 17 CATULLO: TRADUZIONE

TRADUZIONE: O Colonia, che brami giocare col ponte lungo, e l'hai pronto per ballare, ma temi le gambe inette del ponticello che sta su assicelle redivive, che non vada supino e giaccia in fonda palude: così ti capiti un ponte buono per la tua voglia, su cui perfino i Salii danzanti si facciano i riti, questo regalo dammi, Colonia, massime risate. Un mio paesano voglio che dal tuo ponte vada capofitto nel fanco, capo e piedi, proprio dove di tutto il lago e la putrida palude nerissima e profonda al massimo è la voragine.