Elogio di Epicuro: traduzione

Primo Elogio di Epicuro - De Rerum Natura di Lucrezio. La metrica e traduzione letterale dell'Elogio di Epicuro (1 pagine formato doc)

Appunto di verardo88

ELOGIO DI EPICURO TRADUZIONE

Inno a Venere Elogio di Epicuro Hùmana ànte oculòs || foedè cum vìta iacèret ìn terrìs || opprèssa gravì || sub rèligiòne, quaè caput à caelì || regiònibus òstendèbat hòrribilì || super àspectù || mortàlibus ìnstans, prìmum Gràius homò || mortàlis tòllere còntra èst oculòs ausùs || primùsque obsìstere còntra; quèm neque fàma deùm || nec fùlmina nèc minitànti mùrmure còmpressìt || caelùm, || sed èo magis àcrem ìnritàt animì || virtùtem, effrìngere ut àrta nàturaè primùs || portàrum clàustra cupìret.

Èrgo vìvida vìs || animì pervìcit et èxtra pròcessìt longè || flammàntia moènia mùndi àtque omne ìmmensùm || peragràvit mènte animòque, ùnde refèrt nobìs || victòr quid pòssit orìri, quìd nequeàt, || finìta potèstas || dènique cùique quànam sìt || ratiòne atque àlte || tèrminus haèrens.
Quàre rèligiò || pedibùs subiècta vicìssim òpteritùr, || nos èxaequàt || victòria caèlo.

Elogio di Epicuro: traduzione e analisi


ELOGIO DI EPICURO TRADUZIONE LETTERALE

Poiché la vita umana giaceva sulla terra vergognosamente oppressa davanti agli occhi (di tutti) da una pesante superstizione, che mostrava il capo dalle regioni del cielo, incombendo sui mortali con aspetto orribile, per la prima volta un Greco, uomo mortale, osò fissare contro (la superstizione) gli occhi e per primo resistere, e non lo fermò la fama degli dei né i fulmini né il cielo col minaccioso rimbombo, ma tanto più eccitò il valore indomito del (suo) animo, che per primo desiderò spezzare le sbarre serrate delle porte della natura.

Il primo Elogio di Epicuro: traduzione


ELOGIO DI EPICURO TRADUZIONE E ANALISI

Perciò la vigorosa forza del (suo) spirito trionfò e avanzò oltre le fiammeggianti mura del mondo e percorse con la mente e con lo spirito l'universo sconfinato e da lì ci riferisce vittorioso che cosa può nascere, che cosa non può, infine per quale legge ogni cosa ha determinate facoltà e un limite saldamente fisso. Perciò la superstizione, gettata sotto i piedi, a sua volta è calpestata, e la vittoria ci eguaglia al cielo.