Orazio, Le Odi: traduzione e testo latino

Appunto inviato da kurthim
/5

traduzione e testi a fronte in latino de Le Odi di Orazio: I 9, I 38, II 14, II 10 (2 pagine formato rtf)

ORAZIO, LE ODI: TRADUZIONE E TESTO LATINO

ODE I, 38
Persicos odi, puer, apparatus,    Ragazzo, non amo l’oro dei persiani,
displicent nexae philyra coronae;    nè le corone intrecciate con fili di tiglio;
mitte sectari, rosa quo locorum     smetti di cercare in quali luoghi
sera moretur.    indugia la rosa d’autunno.
Simplici myrto nihil allabores     Semplicemente il mirto: non voglio
Sedulus curo: neque te ministrum    che tu aggiunga altro: per te che mi servi
Dedecet myrtus neque me sub arta    e per me che bevo all’ombra della vite
Vite bibentem    il fiore è questo.

Orazio, Ode 1, Libro 1: traduzione


ORAZIO ODI 1 9

ODE I,9    
Vides ut alta stet nive candidum    vv1-4 Tu vedi come il Soratte s’innalzi candido
Soracte, nec iam sustineant onus    per l’alta neve e come ormai i boschi affaticati
silvae laborantes, gelonque    non sostengano il peso(della neve) e i corsi d’acqua
flumina constiterint acuto.    si siano fermati per il gelo pungente.

 
Dissolve frigus ligna super foco    vv5-8 Sciogli il freddo ponendo sopra al fuoco legna.

Le Odi di Orazio: riassunto


ORAZIO ODI TRADUZIONE

Large reponens atque benignus    in abbondanza e più generosamente versa,
Deprome quadrimum Sabina,    oTaliarco, vino vecchio di quattro anni dall’anfora sabina:
o Theliarche, merum diota:    vv9-12 tutto il resto lascialo agli dei, quando essi
permitte divis cetera, qui simul    abbattono i venti che conbattono sul mare ribollente/
stravere ventos aequore fervido    in burrasca nè i cipressi ne i frassini/gli orni
deproeliantis, nec cupressi    secolari si muovono più.
nec veteres agitantus orni.    vv13-18(morosa) Evita di chiederti che cosa accadrà
Quid sit futurum cras fuge quaerere et    domani, e qualunque giorno la sorte ti darà, segnalo a tuo
Quem Fors dierum cumque dabit lucro    guadagno e non disprezzare, ragazzo, i dolci amori, nè le danze
Appone, nec dulcis amores    fintanto che dalla tua giovinezza è lontana l’acida vecchiaia.

Orazio, Ode 11 del Libro 1: analisi, testo e traduzione


ORAZIO ODI TESTO LATINO

Sperne puer neque tu choreas,    vv18(nunc)-20 Ora si ricerchi, all’ora stabilita, il Campo Marzio
donec virenti canities abest    e le piazze e leggeri sussurri sul far della notte.
morosa.

Nunc et campus et areae    vv21-25 ora (si ricerchi) il riso gradito che dall’angolo più riposto
lenesque sub noctem susurri    rivela la ragazza nascosta e (si ricerchi) il pegno strappato da un
composita repetantur hora,    braccio e da un dito che non fa resistenza.
gratus puellae risus ab angulo    
pignusque dereptum lacertis    
aut digito male pertinaci.