Proemio Eneide, vv.331-361

Appunto inviato da heather94
/5

Traduzione dal latino all'italiana del proemio (con la metrica) e dei vv 331-361 del IV capitolo dell'Eneide di Virgilio (3 pagine formato doc)

Virgilio – Eneide
Il proemio (Eneide, I, vv.
1-11) metrica
Àrma vir|ùmque ca|nò,Troi|aè qui| prìmus ab| òris
Ìtali|àm fa|tò profu|gùs Lavi|nìaque| venit
lìtora|, mùltum ille| èt ter|rìs iac|tàtus et| àlto 
vì supe|rùm, sae|vè memo|rèm Iu|nònis ob| ìram,

Leggi anche Traduzione completa dell'Eneide

mùlta quoque| èt bel|lò pas|sùs, dum| cònderet| ùrbem
ìnfer|rètque de|òs Lati|ò, genus| ùnde La|tìnum 
àlba|nìque pa|très atque| àltae| moènia| Ròmae.
Mùsa, mi|hì cau|sàs memo|rà, quo| nùmine| laèso
quìdve do|lèns re|gìna de|ùm tot| vòlvere| càsus
ìnsi|gnèm pie|tàte vi|rùm, tot ad|ìre lab|òres
ìmpule|rìt. Tan|taène ani|mìs cae|lèstibus| ìrae?
 
Leggi anche Traduzione letteraria dell'Eneide

Traduzione
Canto le armi e l’eroe che per primo dalle spiagge di Troia
venne in Italia e sulle coste della Lavinia per volere del fato 
dopo che, sballottato a terra dalla potenza degli dèi
a causa dell’ira vendicativa della crudele Giunone,

.