Il duello fra Titta e Culagna di Alessandro Tassoni: parafrasi

Appunto inviato da mustafovic
/5

Parafrasi de "Il duello fra Titta e Culagna" di Alessandro Tassoni (2 pagine formato doc)

ALESSANDRO TASSONI - IL DUELLO FRA TITTA E CULAGNA: PARAFRASI

Alessandro Tassoni.
Il duello fra Titta e Culagna di Alessandro Tassoni
Parafrasi (vv 35-45)
Dopo che il cavaliere fu armato di tutto punto
e il sole fu diviso tra i combattenti,
venne dato un segnale di tromba, e a un tratto
i cavalli si mossero come due venti contrari.
Il cavaliere romano Titta fu colpito nel petto,
ma le sue armi temprate e lucenti
ressero il colpo, e il conte, di fronte a quell’impatto di inattesa violenza
si lasciò scivolare di mano la lancia.

Egli fu colpito da Titta alla gorgiera
Tra lo scudo e l’elmo
Da un colpo così potente da fargli inarcare la schiena.
La gorgiera si schiodò e la visiera si aprì, e la corazza emise lampi;
i pezzi dell’asta rotta volarono in cielo e il conte allora perse le staffe e la briglia.

Caduta la visiera, il conte vede
colorarsi di rosso la sopraveste
e – Oimè sono morto, - grida rivolgendo lo sguardo
ai suoi scudieri con volto triste;
- aiuto! Che ora mai il cuore esala l’anima – replica con voce tenue.
Accorrono a quel suono cento persone,
e moribondo lo tolgono dalla sella.

Lo portano alla tenda e, sopra un letto
gli cominciano a togliere le armi di dosso
il chirurgo gli fa levare l’elmetto,
e il prete lo va a confessare in fretta.
Tutti i suoi amici lo considerano morto
e tutti precisano che non era il caso di porre ad una simile prova
un uomo privo di forza e di grinta.

Ma Titta, dopo che vede riportare l’avversario
come morto nelle sue tende,
 cammina per il campo al suono delle trombe e ritorna
dove lo attendono felici i suoi tifosi;
è talmente pieno di se che
per coraggio non è inferiore allo stesso Marte;
e scende dalla sella, e prima di levarsi l’elmo dalla testa
scrive e spedisce in fretta a Roma un corriere.

Il barocco nella letteratura italiana: riassunto

Scrive che un cavaliere molto coraggioso
di quelle parti, un uomo tanto importante
che forse non ve n’era un altro a lui superiore
ne che fosse uguale a lui in quanto forza,
aveva avuto il coraggio di provocarlo,
e di intraprendere contro di lui un combattimento mortale;
e che egli, davanti agli eserciti,
al primo colpo gli aveva trapassato il petto.

Spedì il corriere a Gaspare Salvani
Promotore dell’accademia dei Mancini,
in modo che desse l’avviso a i Frangipani
e ai loro amici Urini.
E al cavaliere Del Pozzo e ai due romani
Famosi indegni, il Cesi e il Cesarini,
e al non meno dotto e cortese Sforza;

.