Diogene Laerzio -"Una lunghissima dormita"

Appunto inviato da patri62
/5

Tratto dal libro "kata logon" pag160 n 62, corretta in classe - con testo originale greco a fronte (1 pagine formato doc)

Come dichiarano Teopompo e molti altri, Epimenide era figlio di Festo, secondo altri di Dosiate, mentre altri di Agesaico.
Era di origine cretese proveniente da Crosso, ma si distingueva nell'aspetto per la lunghezza dei capelli; costui una volta mandato dal padre per i campi per pascolare il bestiame, a metà del viaggio a mezzogiorno essendosi ritirato in una caverna, dormì per 57 anni. Svegliatosi dopo(questi anni), andava cercando il gregge pensando di essersi addormentato per poco. Poiché non lo trovava, si recò nel campo, e capendo che era cambiata ogni cosa, anche le sue proprietà in mani d'altri, si allontanò di nuovo molto agitato in città. E essendo entrato lì nella propria casa incontrò alcuni che gli domandavano chi fosse, finchè avendo trovato il fratello allora più giovane ma essendo ormai vecchio, venne a conoscenza da quello della verità.
Essendo stato riconosciuto, dai greci si ritenne che fu molto caro agli dei.