Panegirico, 54 - 56

Appunto inviato da
/5

Testo originale in lingua greca e versione tradotta dai nostri tutors dell'opera "Panegirico" dai versi 54 - 56 dell'autore greco Isocrate (1 pagine formato doc)

Untitled ATENE PROTETTRICE DEI SUPPLICI Si potrebbe apprendere il carattere e la forza della nostra cit­tà dalle implorazioni che alcuni ci rivolsero nel passato.
Orbene io tralascerò quelle o avvenute di recente o rivolteci su que­stioni poco rilevanti; ma in tempi molto più antichi della guerra di Troia - da lì in realtà è giusto che attingano prove efficaci coloro che discutono sulle tradizioni patrie -,vennero da noi i figli di Eracle e poco prima di loro Adrasto, figlio di Talao e re di Argo; costui era uscito perdente dalla invasione contro Tebe e, non potendo da solo cogliere i corpi di quelli che erano caduti sotto la Cadmea, domandò alla nostra città di prestargli aiuto nelle sciagure comuni e di non autorizzare che i caduti nelle guerre rimanessero insepolti e che l'antica abitudine e la legge degli antenati fossero trasgredite; i figli di Eracle, cercando di sottrarsi all'odio di Euristeo e disprezzando le altre città come incapaci di prestare soccorso al­le loro sventure, ritennero che la nostra città fosse essa sola capace di sdebitarsi i piaceri che il loro padre aveva riportato a tutti gli uomini. .