IV° libro dell'eneide

Appunto inviato da anagas
/5

traduzione precisa e puntuale dell' originale testo latino del IV° libro dell' eneide. (3 pagine formato doc)

Ma la regina, gìà da gran tempo ferita da una terribile pena, nutre la ferita nelle sue vene ed è consumata dal fuoco nascosto.
Le torna in mente il molto valore dell' eroe e la molta gloria della sua gente, le restano infissi nel cuore il suo viso e le parole e la pena non le consento un sonno tranquillo. L ` aurora seguente già illuminava con la luce del sole la terra ed aveva allontanato dal cielo l' ombra umida , quando , fuori di sé, si rivolge alla affezionata sorella : “ Anna, sorella mia, quali sogni mi agitano e mi atterriscono! Chi è mai questo ospite straordinario venuto da noi? Come si presenta nell' aspetto, come è forte nel petto e nel braccio! Credo davvero, e non è vana la mia convinzione, che egli sia discendente degli dei. Il timore scopre gli animi ignobili; ahimé, da quali vicende egli è stato tormentato! Quali guerre sostenute raccontava! Se non mi stesse fisso e irremovibile nell' animo di non volermi unire ad alcuno con un vincolo nuziale, dopo che il primo amore mi è venuto meno, abbandonandomi con la morte, se non mi fossero venuti in odio la camera e la fiaccola nuziale, a questa sola colpa ,forse, avrei potuto credere.
Anna, infatti lo confesserò, dopo la morte dell' infelice marito Sicheo e dopo che i Penati erano stati sparsi per l' assassinio di un fratello, solo costui ha scosso i miei sentimenti e ha spinto il mio animo in modo da farlo vacillare. Riconosco le tracce dell' antica fiamma. Ma vorrei che per me si spalancasse la profondità della terra, o che il padre onnipotente mi sprofondasse con il fulmine tra le ombre, le pallide ombre dell' Erebo e la profonda notte, prima che io offenda te, o Pudore, e infranga le tue leggi . quello che mi unì per primo a sé si è portato via il mio amore; egli lo tenga con sé e lo conservi nella tomba”. Dopo aver così parlato riempì il grembo delle lacrime sgorgate. Anna replica : “ O tu che sei più cara della luce a tua sorella, dunque da sola ti consumerai in una perpetua verginità, e non conoscerai i dolci figli, né i doni di Venere? Credi che di questo si preoccupi(no) la cenere o i Mani defunti? Sia pure , nessun pretendente mai ha piegato la tua afflizione, non in Africa, non prima a Tiro; è stato disprezzato Iarba e gli altri capi, che l' Africa nutre, terra ricca di trionfi: contrasterai anche un amore che ti piace? E non ti viene in mente nei terrori di chi ti sei insediata? Da una parte ti cingono le città dei Getùli, razza invincibile in guerra, e i Numìdi scatenati e la Sirte inospitale, dall' altra una regione deserta per aridità e i Barcei che per gran spazio impazzano. Perché dovrei ricordare le guerre che sorgono da Tiro e le minacce di tuo fratello? Certo credo che con il favore degli dei e con la protezione di Giunone le navi iliache abbiano questa rotta. Quale tu vedrai questa città, o sorella, che regno vedrai sorgere in conseguenza di un simile matrimonio! A quale potenza si innalzerà la gloria di Cartagine con l' aiuto delle armi troiane!