Traduzione di Orfeo ed Euridice

Appunto inviato da spyyder94
/5

traduzione dal latino all'italiano (1 pagine formato doc)

Traduzione di Orfeo ed Euridice - Orpheus, poeta lyrae sono clarus, etiam feras molliebat et saxa movebat.
Cum Orpheo vitam beate nupta agebat, venusta nympha Eurydice. Olim autem coluber inter herbam occultus nympham necavit. Tum Orpheus, valde maestus, Inferorum reginae animum commovere temptavit atque ac nuptam ad vivos reducere. Ad Inferos descendit, ad Proserpinae solium accedit et lyra suaviter canit. Mortuorum umbrae undique accurunt; horrida monstra conticescunt, cessant damnatorum supplicia. Tandem Orpheus etiam Proserpinae animum commovet et Inferorum regina desiderium poetae exaudit: Orphei nuptam ad vivos remittet, sed poeta per viam respicere non debebit. Orpheus magno cum gaudio nuptam precedit; postea autem, desiderio impulsus, incaute respicit.
Statim Inferorum regina feminam revocat. Orpheus flet atque plorat, sed frusta: nam Eurydice ad Inferos rursus remeat, ibique in perpetuum manebit.

LEGGI ANCHE: Riassunto di tutte le opere di Virgilio

Orfeo, poeta famoso per il suono della lira, ammansiva le bestie e scuoteva i massi. Con Orfeo viveva felicemente la moglie, la bella ninfa Euridice. Una volta una serpe nascosta fra l'erba uccise la ninfa. Allora Orfeo, estremamente afflitto, tentò di commuovere l'animo della regina degli Inferi e riportare la sposa in vita. Discese negli Inferi, arrivò nella casa di Proserpina e suonò soavemente la lira. Gli spettri dei morti accorsero da ogni parte; gli orridi mostri ammutolirono, cessarono i supplizi dei dannati.