Coriolano: versione di latino

Appunto inviato da mypasswork
/5

Coriolano: versione, analisi e testo (1 pagine formato doc)

CORIOLANO: VERSIONE

CoriolanoTum matronae ad Veturiam,matrem Coriolani, Volumniamque uxorem frequentes coeunt.

Id publicum consilium an muliebris timor fuerit parum invenio; pervicere certe ut et Veturia, magno natu mulier, et Volumnia, duos parvos ex Marcio ferens filios, secum in castra hostium irent, et, quoniam armis viri defendere urbem non possent, mulieres precibus lacrimisque defenderent. Ubi ad castra ventum est nuntiatumque Coriolano est adesse ingens mulierum agmen, primo, ut qui nec publica maiestate in legatis nec in sacerdotibus tanto offusa oculis animoque religione motus esset,multo obstinatior adversus lacrimas muliebes erat. Dein familiarum quidam, qui insignem maestitia inter ceteras cognoverat Veturiam, inter nurum nepotesque stantem, “Nisi me frustrantur” inquit “oculi, mater tibi coniunxque et liberi adsunt”, coriolanus prope ut amens consternatus ab sede sua cum ferret matri abviaecomplexum, mulier in iram ex precibus versa “Sine, priusquam complexum accipio, sciam,” inquit “ad hostem an ad filium venerim, captiva materne in castris tuis sim”.

Coriolano: versione latino di Eutropio

LA STORIA DI CORIOLANO LATINO

Allora le matrone accorsero numerose verso Veturia, madre di Coriolano e Volumnia la moglie.

So poco se il fatto sia avvenuto su consiglio del senato o per il timore delle donne (letteralmente della donna),ottennero certamente che sia Veturia, moglie di età avanzata, portando con sè i due piccoli figli avuti da Marzio, che si recassero con lui nell’accampamento dei nemici epioichè gli uomini con le armi non potevano difendere la città, che la difendessero le donne con le preghiere e con le lacrime. Quando si giunse all’accampamento e fu annunciato a Coriolano che c’era una compatta schiera di donne,dapprima, proprio come (si addiceva) ad uno che non era mosso nè dalla pubblica maestà degli ambasciatori, nè dalla tanta religione dei sacerdoti che tanto offusca gli occhi e l’animo, era ancora molto più ostinato verso le lacrime delle donne. Dopo uno dei familiari che aveva riconosciuto Veturia tra le altre, riconoscibile per mestizia, standotra la nuora e i nipoti: “Se gli occhi non mi ingannano” disse “sono qui tua madre, tua moglie e i tuoi figli. Coriolano quasi fuori di sè, costernato, dal suo seggio slanciandosi incontro alla madre per abbracciarla, la donna essendo passata dalle preghiere all’ira, disse: “Consenti che io sappia prima che io accetti il tuo abbraccio, se sono venuta da un nemici o da un figlio, se nel tuo campo sono prigioniera o madre”.

L'impresa di Coriolano: versione

TRADUZIONE LATINO CORIOLANO

Frequentes coeunt:presente storico=numerose accorsero
Id publicum...invenio:prop. interr. Indiretta doppia,con valore dubitativo(possono essere introdotte da utrum...an, -ne...an, o solo an, come in questo caso, oppure solo –ne.
Pervicere:=,pervicerunt, indic.perfetto di pervinco,-is..., “ottennero”
Certe: “senza alcun dubbio”.

Coriolano: versione greco