Annibale sconfigge i Romani al Lago Trasimeno

Appunto inviato da lucaciccio90
/5

Nuovo comprendere e tradurre; grammatica descrittiva e contrastava della lingua latina MATERIALI DI LAVORO-VOLUME 2-Bompiani per la scuola.Versione pag. 97 num.1 (1 pagine formato doc)

Nuovo comprendere e tradurre; grammatica descrittiva e contrastava della lingua latina Nuovo comprendere e tradurre; grammatica descrittiva e contrastava della lingua latina MATERIALI DI LAVORO VOLUME 2 Bompiani per la scuola Nicolo Flocchini - Piera Guidotti Bacci - Marco Moscio -_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_ Versione pagina 97 numero 1 VOLUME 2 Annibale sconfigge i Romani al lago Trasimeno Annibale, dopo che per l'Etruria era giunto al lago Trasimeno, devastati tutti i campi tra la città di Cortona e il lago Trasimeno, collocò l'accampamento in un luogo aperto e alto tra il lago e i monti.
Poi, per preparare un tranello ai Romani, fece girare i soldati armati alla leggera dietro i monti e nascose la cavalleria all'imboccatura del passo tra i monti: congiunse insieme davanti all'accampamento la rimanente parte dell'esercito.
Nel frattempo, il giorno prima, al tramontar del sole, l'esercito dei Romani, sotto il comando del console Flaminio, era giunto al lago dalla parte opposta. Flaminio, rilevato l'accampamento dei Cartaginesi, non avendo alcune sospetto dell'agguato di Annibale, avanzò con tutto l'esercito contro il nemico. Il cartaginese, appena vide il nemico rinchiuso dal lago e dai monti e accerchiato dalle sue truppe, diede il segno del combattimento: tutti i Cartaginesi fecero un attacco nel nemico. Intanto una improvvisa e densa nebbia sorta dal lago ricoprì ogni cosa e i Romani, i quali, dall'ala sinistra, erano invasi dalla spalle e da davanti dai nemici e dall'ala destra erano chiusi dal lago, non ebbero nessuna speranza di salvezza, poiché anche la nebbia impediva l'uso delle armi. Nella grande confusione la strage fu grande: anche il console combattendo valorosamente morì sotto il colpo dei nemici. Grande parte dell'esercito morì nell'atroce combattimento, i pochi, buttate le armi, si rifugiarono sui monti.