Battaglia tra Pompeiani e Cesariani, da Cesare

Appunto inviato da pisso
/5

Versione 67 pag. 120 (Cesare, Da “Nuovo laboratorio di Traduzione” di E. Degl’Innocenti (file.doc, 1 pag) (0 pagine formato doc)

Versione 67 pag.
120 (Cesare) Battaglia tra Pompeiani e Cesariani. Da “Nuovo laboratorio di Traduzione” di E. Degl'Innocenti I Pompeiani, quindi, con maggiore insolenza e audacia incominciarono a premere e incalzare i nostri e, per superare i fossati, abbatterono i graticci collocati a difesa. Cesare, accortosi di ciò, temendo che sembrasse non una ritirata, ma una fuga e che ne derivasse un danno maggiore, quasi a metà del percorso, fatti esortare i suoi da Antonio, che era a capo della legione, ordinò di dare con la tromba il segnale di combattimento e di attaccare i nemici. I soldati, ritrovata d'un tratto l'intesa, scagliarono dardi e, con una corsa veloce risalito il pendio dalla posizione più bassa, respinsero a precipizio i Pompeiani costringendoli alla fuga.
Ma i graticci rovesciati, i pali nascosti e le fosse scavate furono di grande impedimento alla loro ritirata.