Catullo, carme 6, 7, 8, 9, 10: testo e traduzione

Appunto inviato da silveretta13
/5

Testo e traduzione dei carmi di Catullo: dal 6 al 10 (3 pagine formato doc)

CATULLO CARME 6: TESTO

Carme 6.

Flavi, delicias tuas Catullo, ni sint illepidae atque inelegantes, velles dicere nec tacere posses. verum nescio quid febriculosi scorti diligis: hoc pudet fateri. nam te non viduas iacere noctes nequiquam tacitum cubile clamat sertis ac Syrio fragrans olivo, pulvinusque peraeque et hic et ille attritus, tremulique quassa lecti argutatio inambulatioque. nam in ista praevalet nihil tacere.
cur? non tam latera ecfututa pandas, ni tu quid facias ineptiarum. quare, quidquid habes boni malique, dic nobis. volo te ac tuos amores ad caelum lepido vocare versu.

Carme 2 Catullo: commento e analisi grammaticale

CATULLO CARME 6: TRADUZIONE

TRADUZIONE Carme 6: Flavio, le tue delizie a Catullo, se non fossero sgarbate ed ineleganti, vorresti dirle né potresti tacere. Proprio non so che di febbricitante baldracca ami: ci si vergogna a confessarlo. Che tu, in notti non vedove, scopi lo grida la camera per nulla tacita, fragrante di ghirlande e olivo estivo, pure il cuscino anche e questo e quello strofinio, e lo scricchiolìò ed il dondolìo agitato del letto tremolante. Su tali cose prevale il nulla tacere. Perché? Non mostreresti fianchi così fottuti, se tu non facessi un che di sconcezze. Perciò, qualsiasi cosa abbia di buono e di male, diccelo. Voglio te ed i tuoi amori con garbato verso gridare al cielo.

CARME 7 CATULLO: TESTO

Carme 7. Quaeris, quot mihi basiationes tuae, Lesbia, sint satis superque. quam magnus numerus Libyssae harenae laserpiciferis iacet Cyrenis oraclum Iovis inter aestuosi et Batti veteris sacrum sepulcrum; aut quam sidera multa, cum tacet nox, furtivos hominum vident amores: tam te basia multa basiare vesano satis et super Catullo est, quae nec pernumerare curiosi possint nec mala fascinare lingua.

CARME 7 CATULLO: TRADUZIONE

TRADUZIONE Carme 7: Chiedi quanti tuoi baciamenti, Lesbia, mi sian sufficienti e di più. Quanto grande il numero di sabbia libica giace nella Cirene produttrice di laserpizio tra l'oracolo dell'infuocato Giove ed il sacro sepolcro dell'antico Batto; o quante stelle, quando la notte tace, vedono i furtivi amori degli uomini: che tu baci con altrettanti baci è sufficiente e di più per il pazzo Catullo, e che i curiosi non possano contare né gettare il malocchio con mala lingua.

CARME 8 CATULLO: TESTO E TRADUZIONE

CARME 8. Miser Catulle, desinas ineptire, et quod vides perisse perditum ducas. fulsere quondam candidi tibi soles, cum ventitabas quo puella ducebat amata nobis quantum amabitur nulla. ibi illa multa cum iocosa fiebant, quae tu volebas nec puella nolebat, fulsere vere candidi tibi soles. nunc iam illa non vult: tu quoque impotens noli, nec quae fugit sectare, nec miser vive, sed obstinata mente perfer, obdura. vale puella, iam Catullus obdurat, nec te requiret nec rogabit invitam. at tu dolebis, cum rogaberis nulla. scelesta, vae te, quae tibi manet vita? quis nunc te adibit? cui videberis bella? quem nunc amabis? cuius esse diceris? quem basiabis? cui labella mordebis? at tu, Catulle, destinatus obdura.

TRADUZIONE: Misero Catullo, smetti di impazzire, e ciò che vedi esser perso consideralo perduto. Un tempo ti rifulsero candidi soli, quando vagavi dove guidava una ragazza da noi amata quanto nessuna sarà amata. Lì, quando si compivan quei tanti giochi, che tu volevi né lei non voleva, davvero ti rifulsero candidi soli. Ora lei non vuol più: tu pure impotente non volere, non inseguire chi fugge, non viver misero, ma sopporta con mente ostinata, resisti. Addio ragazza, ormai Catullo resiste, non ti cercherà né, restia, ti pregherà. Ma tu soffrirai, quando senza valore sarai pregata. Malvagia, guai a te, che vita ti rimane? Chi ora ti avvicinerà? A chi sembrerai carina? Chi ora amerai? Di chi dirai di essere? Chi bacerai? A chi morderai la boccuccia? Ma tu, Catullo, ostinato resisti.

CARME 9 CATULLO: TESTO E TRADUZIONE

CARME 9 - Verani, omnibus e meis amicis antistans mihi milibus trecentis, venistine domum ad tuos penates fratresque unanimos anumque matrem? venisti. o mihi nuntii beati! visam te incolumem audiamque Hiberum narrantem loca, facta nationes, ut mos est tuus, applicansque collum iucundum os oculosque suaviabor. o quantum est hominum beatiorum, quid me laetius est beatiusve?

TRADUZIONE: Veranio, che per me tra tutti i miei amici ne superi mille trecento, sei giunto a casa dai tuoi penati, dai fratelli unanimi e la vecchia madre? Sei giunto, o belle notizie per me! Ti rivedrò incolume e ti sentirò narrare i luoghi degli Iberi, le imprese, i popoli, come è tuo stile, aggrappandomi al dolce collo bacerò il volto e gli occhi. Oh quanto c'è di uomini più felici, cosa c'è di più allegro o felice di me?

CARME 10 CATULLO: TESTO E TRADUZIONE

CARME 10 - Varus me meus ad suos amores visum duxerat e foro otiosum, scortillum, ut mihi tum repente visum est non sane illepidum neque invenustum, huc ut venimus, incidere nobis sermones varii, in quibus, quid esset iam Bithynia, quo modo se haberet, et quonam mihi profuisset aere. respondi id quod erat, nihil neque ipsis nec praetoribus esse nec cohorti, cur quisquam caput unctius referret, praesertim quibus esset irrumator praetor, nec faceret pili cohortem. "at certe tamen," inquiunt "quod illic natum dicitur esse, comparasti ad lecticam homines." ego, ut puellae unum me facerem beatiorem, "non" inquam "mihi tam fuit maligne ut, provincia quod mala incidisset, non possem octo homines parare rectos." at mi nullus erat nec hic neque illic fractum qui veteris pedem grabati in collo sibi collocare posset. hic illa, ut decuit cinaediorem, "quaeso" inquit "mihi, mi Catulle, paulum istos commoda: nam volo ad Serapim deferri." "mane" inquii puellae, "istud quod modo dixeram me habere, fugit me ratio: meus sodalis - Cinna est Gaius - is sibi paravit. verum, utrum illius an mei, quid ad me? utor tam bene quam mihi pararim. sed tu insulsa male et molesta vivis, per quam non licet esse neglegentem."

TRADUZIONE: Il mio Varo vistomi ozioso nel foro m'aveva portato dai suoi amori, battonella, come subito mo sembrò, non certo scortese né spiacevole, come giungemmo là, ci capitarono discorsi vari, tra cui, cosa ci fosse mai in Bitinia, come ci si trovasse, e quanto denaro mi avesse fruttato. Risposi ciò che era (vero), che non c'era nulla per gli stessi pretori, nè per la coorte, perché nessuno riportasse la testa più leccata, specialmente quelli che avessero un pretore sporcaccione e non stimasse un fico la corte. "Ma tuttavia senz'altro, ribattono, cosa che si dice esser nata lì, comprasti uomini per la lettiga". Io, per rendermi più interessante per la ragazza, dico " Non mi andò così male che, per quanto sia capitata una brutta provincia, non potessi procurarmi otto uomini giusti". Ma io non avevo nessuno né qui né là che potesse mettersi sul collo il piede rotto del vecchio lettuccio. Allora lei, come s'addice al più invertito, "Per favore, dice, mio Catullo, prestameli un poco: voglio esser portata al Serapide" "Aspetta, ribattei alla ragazza, quello che ora ho detto di avere, mi scappa la memoria: il mio amico - è Gaio Cinna - lui se li comprò. Ma se suoi o miei, che m'importa? Li uso così bene come se li avessi comprati per me. Ma tu sei ben insulsa e noiosa, per causa tua non si può esser negligente"