Catullo, carme 6, 7, 8, 9, 10: testo e traduzione

Appunto inviato da silveretta13
/5

Testo e traduzione dei carmi di Catullo: dal 6 al 10 (3 pagine formato doc)

CATULLO CARME 6: TESTO

Carme 6.

Flavi, delicias tuas Catullo, ni sint illepidae atque inelegantes, velles dicere nec tacere posses. verum nescio quid febriculosi scorti diligis: hoc pudet fateri. nam te non viduas iacere noctes nequiquam tacitum cubile clamat sertis ac Syrio fragrans olivo, pulvinusque peraeque et hic et ille attritus, tremulique quassa lecti argutatio inambulatioque. nam in ista praevalet nihil tacere. cur? non tam latera ecfututa pandas, ni tu quid facias ineptiarum. quare, quidquid habes boni malique, dic nobis.
volo te ac tuos amores ad caelum lepido vocare versu.

Carme 2 Catullo: commento e analisi grammaticale

CATULLO CARME 6: TRADUZIONE

TRADUZIONE: Flavio, le tue delizie a Catullo, se non fossero sgarbate ed ineleganti, vorresti dirle né potresti tacere. Proprio non so che di febbricitante baldracca ami: ci si vergogna a confessarlo. Che tu, in notti non vedove, scopi lo grida la camera per nulla tacita, fragrante di ghirlande e olivo estivo, pure il cuscino anche e questo e quello strofinio, e lo scricchiolìò ed il dondolìo agitato del letto tremolante. Su tali cose prevale il nulla tacere. Perché? Non mostreresti fianchi così fottuti, se tu non facessi un che di sconcezze. Perciò, qualsiasi cosa abbia di buono e di male, diccelo. Voglio te ed i tuoi amori con garbato verso gridare al cielo.

CARME 7 CATULLO: TESTO

CARME 7. Quaeris, quot mihi basiationes tuae, Lesbia, sint satis superque. quam magnus numerus Libyssae harenae laserpiciferis iacet Cyrenis oraclum Iovis inter aestuosi et Batti veteris sacrum sepulcrum; aut quam sidera multa, cum tacet nox, furtivos hominum vident amores: tam te basia multa basiare vesano satis et super Catullo est, quae nec pernumerare curiosi possint nec mala fascinare lingua.

CARME 7 CATULLO: TRADUZIONE

TRADUZIONE: Chiedi quanti tuoi baciamenti, Lesbia, mi sian sufficienti e di più. Quanto grande il numero di sabbia libica giace nella Cirene produttrice di laserpizio tra l'oracolo dell'infuocato Giove ed il sacro sepolcro dell'antico Batto; o quante stelle, quando la notte tace, vedono i furtivi amori degli uomini: che tu baci con altrettanti baci è sufficiente e di più per il pazzo Catullo, e che i curiosi non possano contare né gettare il malocchio con mala lingua.

CARME 8 CATULLO: TESTO

CARME 8. Miser Catulle, desinas ineptire, et quod vides perisse perditum ducas. fulsere quondam candidi tibi soles, cum ventitabas quo puella ducebat amata nobis quantum amabitur nulla. ibi illa multa cum iocosa fiebant, quae tu volebas nec puella nolebat, fulsere vere candidi tibi soles. nunc iam illa non vult: tu quoque impotens noli, nec quae fugit sectare, nec miser vive, sed obstinata mente perfer, obdura. vale puella, iam Catullus obdurat, nec te requiret nec rogabit invitam. at tu dolebis, cum rogaberis nulla. scelesta, vae te, quae tibi manet vita? quis nunc te adibit? cui videberis bella? quem nunc amabis? cuius esse diceris? quem basiabis? cui labella mordebis? at tu, Catulle, destinatus obdura.