Cicerone esorta Catilina e i suoi compagni ad allontanarsi da Roma

Appunto inviato da roberta1992
/5

Versione di latino di Cicerone (1 pagine formato doc)

Quando tu,o Catilina,hai attentato a me,quale Console designato,mi sono difeso non con le forze pubbliche,ma con la mia privata accortezza.
Quando,nell’approssimarsi dei comizi consolari,tu decidesti di uccidere me e tutti i tuoi avversari,respinsi i tuoi nefandi tentativi con le forze e con gli uomini degli amici,senza sollevare alcun tumulto pubblico;infine,ogni qualvolta mi aggredivi,mi ti sono opposto da me solo,benchè ritenessi che la mia rovina si accompagnava alla grande sventura della Repubblica. Ma ormai attacchi apertamente tutto lo Stato; vuoi portare alla totale distruzione i templi degli dèi immortali, gli edifici di Roma, la vita di tutti i cittadini, l'Italia intera. Perciò, dal momento che non oso ancora fare quel che sarebbe urgente e rientrerebbe nei poteri della mia carica e nella tradizione degli antenati, prenderò un provvedimento meno severo, ma più utile alla sicurezza comune..