Consolatio ad matrem, di Seneca

Appunto inviato da zanoano
/5

Traduzione dal latino all'italiano del brano (1 pagine formato doc)

Consolatio ad matrem


Saepe iam, mater optima, impetum cepi consolandi te, saepe continui.
Ut auderem multa me impellebant: primum videbar depositurus omnia icommoda, cum lacrimas tuas, etiam si sopprimere non potuissem, interim certe abstersissem; deinde plus habiturum me auctoritatis non dubitabam ad excitandam te, si prior ipse consurrexissem; praeterea timebam ne a me victa fortuna aliquem meorum vinceret. Itaque utcumque conabar manu super plagam meam inposita ad obbligando vulnera vestra reptare. Hoc propositum meum erant rursus quae retardarent: dolori tuo, dum recens saeviret, sciebam occurrendum non esse ne illum ipsa solacia inritarent et accenderent; nam in morbis quoque nihil est perniciosius quam inmatura medicina; expectabam itaque dum ipse vires suas frageret et ad sustinenda rimedia mora mitigatus tangi se ac tractari pateretur.




TRADUZIONE:


Consolazione alla madre - seneca


Spesso ormai, o madre buonissima, ho sentito il forte desiderio di consolarti, spesso l'ho trattenuto. Molte vicende mi spingevano ad osare: innanzitutto sembrava che mi sarei liberato di tutte le cose scomode, se avessi potuto porre fine alle tue lacrime, almeno asciugarle per un momento; poi capivo che con più efficacia ti avrei rincuorato, se mi fossi risollevato io per primo; infine temevo che la sorte, da me sconfitta si riversasse su qualcuno dei miei.

.