Costumi delle donne germaniche, Tacito

Appunto inviato da
/5

Versione del brano: Costumi delle donne germaniche - Tacito versione latina a fronte.(1pag -formato word) (0 pagine formato doc)

Costumi delle donne germaniche - Tacito Costumi delle donne germaniche - Tacito Più volte, nella Germania, Tacito lascia trapelare la sua ammirazione nei confronti dei severi costumi dei Germani; in questo brano è implicito il confronto polemico fra il comportamento delle donne germaniche e quello delle matrone romane, a tutto svantaggio di queste ultime.
Ergo saepta pudicitia agunt1 A , nullis spectaculorum illecebris, nullis conviviorum irritationibus corruptae. Litterarum secreta2 viri pariter ac feminae ignorant. Paucissima in tam numerosa gente adulteria3 , quorum poena praesens4 et maritis permissa: abscisis crinibus nudatam5 coram propinquis expellit domo maritus ac per omnem vicum6 verbere agit; publicatae enim pudicitiae nulla venia7 : non forma, non aetate, non opibus maritum invenerit8 . Nemo enim illic vitia ridet9 , nec corrumpere et corrumpi10 saeculum vocatur.
Melius quidem adhuc eae civitates11 , in quibus tantum virgines nubunt12 et cum spe votoque uxoris semel transigitur13 . Sic unum accipiunt maritum quo modo unum corpus unamque vitam14 , ne ulla cogitatio ultra15 , ne longior cupiditas, ne tamquam maritum, sed tamquam matrimonium ament16 . Numerum liberorum finire aut quemquam ex agnatis necare flagitium habetur, plusque ibi boni mores valent quam alibi bonae leges17. Tacito, Germ. 19. 1-5 Dunque trascorrono (la vita) barricate nel loro pudore, non corrotte da seduzioni di spettacoli o eccitamenti di banchetti1. Uomini e donne sono ugualmente all'oscuro dei segreti della scrittura2. (Sono) pochissimi, in una popolazione così numerosa, gli adultèri, e la loro punizione3 (è) immediata e affidata ai mariti (stessi): il marito, in presenza dei parenti, caccia di casa (la moglie), nuda (e) coi capelli tagliati, e la insegue frustandola4 per tutto il villaggio; infatti non (c'è) perdono per il pudore violato: (la donna adultera) non potrà trovare marito né grazie alla bellezza, né grazie alla giovinezza, né grazie alle ricchezze. Là, infatti, nessuno ride dei vizi, e corrompere e farsi corrompere non si chiama moda. Anzi, meglio ancora (si comportano) quelle tribù in cui soltanto le vergini possono sposarsi5 e la speranza e il desiderio di maritarsi si appagano una volta sola6. Così ricevono un solo marito, come un solo corpo e una sola vita, perché non (abbiano più) alcun pensiero (del genere) dopo (la morte del marito)7 , perché (in loro) non sopravviva il desiderio8 , perché non amino (nell'uomo) il marito, ma il matrimonio9. Limitare il numero delle nascite o uccidere qualcuno dei figli cadetti è considerato delitto, e sono più efficaci là i buoni costumi che altrove le buone leggi.