Un’inutile astuzia di Ulisse

Appunto inviato da filip92
/5

Traduzione dal latino all'italiano (1 pagine formato doc)

Cum Agamennon et Menelaus, Atrei filii, Argivos reges ad troiam ducerent, ut oppugnarent Priami urbem, in insulam Ithacam ad Ulixem, Laertis filium, venerunt, ut impetrarent eius auxilium et belli societatem.
Sed Ulixes oracolum consulerat, quod sic respondit:"Ne Troiam petiveris: nam domum redibis solum et egens post vicesimum annum et omnes socios tuos amittes". Itaque, cum Atridae advenerunt, ut bellum vitaret et Argivos falleret temptavit. Ulixes insaniam simulavit: equum cum bove ad aratrum iunxit postea sine requie agrum suum arabat ante oculos Argivororum ducum.

Sed, ut Palamedes, Euboeae regis filius, vidit Ulixem, statim callidam simulationem sensit et, cum a cunis sustulisset Tele machum, Ulixis filiolum, aratro subiecit. Tum Ulixes aratrum retinuit, ne filium suum obtruncaret, et ita sanitatem suam declaravit.
Denique, cum simulationem deposuisset, Ulixes fidem dedit Argivis de profectione sua ad Troiam.

Agamennone e Menelao, figli dell'atreo, conducendo i re di argo a troia, per espugnare la città di Priamo, andarono nell'isola di Itaca da Ulisse, per ottenere il suo aiuto e allearsi per la guerra. Ma Ulisse aveva consultato l'oracolo, egli così rispose:"Non andare a troia questo avrai: allora tornerai a casa solo e povero dopo20 anni e perderai tutti i tuoi alleati".Quindi, quando arrivarono gli argivi per evitare la guerra e ingannare gli argivi li assalì.Ulisse finse la pazzia: aggiogò il cavallo con il bue all'aratro, dopo arava il campo senza sosta davanti agli occhi dei comandanti di Argo.