La morte del passero(III)

Appunto inviato da
/5

Versione con testo in latino e relativa traduzione in italiano de "La morte del passero (III)" di Catullo (documento doc 2 pagg.) (0 pagine formato doc)

LA MORTE DEL PASSERO (III) LA MORTE DEL PASSERO (III) Lugete, o Veneres Cupidinesque, et quantum est hominum venustiorum:passer mortuus est meae puellae, passer, deliciae meae puellae, quem plus illa oculis suis amabat.Nam mellitus erat suamque norat ipsam tam bene quam puella matrem, nec sese a gremio illius movebat, sed circumsiliens modo huc modo illuc ad solam dominam usque pipiabat; qui nunc it per iter tenebricosum illuc, unde negant redire quemquam.
At vobis male sit, malae tenebrae Orci, quac omnia bella devoratis: tam bellum mihi passerem abstulistis. O factum male! o miselle passer! Tua nunc opera meae puellae flendo turgiduli rubent ocelli.
Piangete, o Venere e amorini, e quanto vi è di uomini sensibili: è morto il passero della mia fanciulla, passero, delizia della mia fanciulla, che quella amava più dei suoi occhi. Infatti era dolce come il miele e conosceva la sua padroncina Tanto bene quanto la fanciulla (conosce) la madre, né si allontanava dal grembo di quella, ma saltando intorno ora da una parte ora dall'altra pigolava sempre soltanto verso la sua padrona; adesso va per un viaggio da dove negano ritornare qualcuno. Siate maledette voi, malvagie tenebre dell'Orco che ogni cosa bella divorate: tanto bello era il passero che a me avete tolto. O cosa malamente accaduta! O misero passerottino! per colpa tua i bei occhi della mia donna sono diventati rossi e gonfi per il pianto.