Motivi della migrazione degli elvezi

Appunto inviato da af
/5

Versione dal latino di "Motivi della migrazione degli elvezi" tratto dal "De bello gallico" capitolo I di Cesare. (documento doc 1 pag.) (0 pagine formato doc)

MOTIVI DELLA MIGRAZIONE DEGLI ELVEZI MOTIVI DELLA MIGRAZIONE DEGLI ELVEZI TRA GLI ELVEZI PRIMEGGIO' , DI GRAN LUNGA, PER NOBILTA' E RICCHEZZE ORGETORIGE .
EGLI , SOTTO IL CONSOLATO DI MARCO MESSALA E MARCO PISONE , INDOTTO DALLA BRAMA DI POTERE PROGETTO UNA CONGIURA DI NOBILI E CONVINSE I SUOI COMPATRIOTI AD USCIRE DAI PROPRI CONFINI CON TUTTI I LORO BENI : SOSTENEVA CHE SAREBBE STATO FACILISSIMO PER LORO , CHE PRIMEGGIAVANO IN VALORE , IMPADRONIRSI DEL COMANDO DI TUTTA LA GALLIA. LI RIUSCI' MOLTO FACILE PERSUADERLI ALL' IMPRESA , PER IL FATTO CHE GLI ELVEZI SONO PREMUTI DA OGNI PARTE DALLA NATURA : DA UN LATO DAL FIUME RENO MOLTO LARGO E PROFONDO , CHE DIVIDE IL TERRITORIO DEGLI ELVEZI DAI GERMANI ; DA UN ALTRO DALL' ALTISSIMO MONTE GIURA , CHE SI TROVA FRA IL TERRITORIO DEI SEQUANI E QUELLO DEGLI ELVEZI , DAL TERZO DAL LAGO LEMANNO E DAL FIUME RODANO CHE DIVIDONO LA NOSTRA PROVENZA DAL LORO TERRITORIO . PERCIO' RIUSCIVANO SOLO A COMPIERE BREVI SCONFINAMENTI E NON POTEVANO CON FACILITA' CONDURRE UNA GUERRA CONTRO I POPOLI VICINI , CON GRAVE SOFFERENZA PER UN POPOLO DESIDEROSO DI COMBATTERE .
IN RAPPORTO POI ALLA QUANTITA' DI UOMINI E ALLE GLORIOSE TRADIZIONI MILITARI , RITENEVANO DI AVERE PER SE CONFINI TROPPO ANGUSTI , CHE SI ESTENDAVANO PER DUECENTOQUARANTA MIGLIA IN LARGHEZZA E CENTONOVANTA MIGLIA IN LARGHEZZA . CESARE