Il pavone e Giunone

Appunto inviato da jagr
/5

Versione dal Latino tradotta "Il pavone e Giunone" (testo originale di Fedro).(formato word pg 1) (0 pagine formato doc)

Untitled IL PAVONE E GIUNONE di FEDRO Un pavone aveva ascoltato il soave canto dell'usignolo, subito cantò per gareggiare, ma per la voce rauca e stonata suscitò il riso di tutti gli uccelli.
Allora il pavone supplicante Giunone parlò con la voce: “ O regina degli dei e delle dee dona anche al pavone la voce e il soave canto dell'uccello di Giunone, gli dei donarono un bell'aspetto al pavone, ma senza la dolcezza della voce eccitiamo il riso dei restanti uccelli”. Ma la dea rispose: “ Donai agli uccelli delle doti, delle semplici volontà: la forza all'aquila, la voce all'usignolo, il malaugurio alla cornacchia, al pavone un bell'aspetto, nessun uccello è fornito di tutte le qualità; tu superi tutti per le piume colorate e per la splendida coda. Come i rimanenti uccelli per la loro dote sono graditi così anche tu e la tua specie devi essere soddisfatto”.