Il pomo della discordia

Appunto inviato da bostonteaparty
/5

Versione dal latino all'italiano (1 pagine formato doc)

In Graecia olim habitabat peleus, vir validus et intrepidus et deis carus.
clamavit Iuppiter: "Thetis, dea marina, erit nupta Pelei". Itaque Peleus, ubi nuptias suas celebravit, convivium magnum paravit. Ex Olympo descenderunt dei deaeque et dona pulchra peleo dederunt. Magnum erat gaudium Pelei nuptaeque. Sed deam Discordiam ad convivium non invitaverunt, nam in nuptiis discordia non grata est. inde dea irata pomum aureum fabricavit et in turbam convivarum iactavit. Sic Discordia convivas ad rixam magnam excitavit; nam deae multae clamabant: "Meum erit pomum pulchrum, non tuum", et ira animos dearum movit.Tandem deae Iuno et Minerva et Venus ad Olympum venerunt. "O Iuppiter, clamant, rixae nostrae eris arbiter, nam ob pomum aureum discordia magna est". Sed Iuppiter sapientia magna: "In rixa, inquit, dearum magnarum arbier non ero: Alexandrum.
Priami filium, in terra videtis: Alexandrum iubeo deam pulcherrimam deligere et pomum aureum illi dare". Itaque deae ex Olimpo ad Alexandrum descenderunt.

In Grecia una volta abitava Peleo, uomo valido e caro agli dei. Gridò Giove:" Teti dea del mare sarà moglie di Peleo". Per tanto Peleo, quando celebro le sue nozze, fece un grande banchetto. Scesero dall'Olimpo dei e dee e diedero doni a Peleo. Grande era la gioia di Peleo e della moglie, ma al banchetto non fu invitata la dea discordia:infatti alle nozze la discordia non era gradita. Poi la dea irata fabbricò un pomo d'oro e lo gettò cosi la discordia incitò i comitati ad una grande rissa; infatti molte gridarono"mio sarà il pomo non tuo" e mosse l'ira nell'animo degli dei. Finalmente le dee Giunone, Minerva e "oh Giove" dissero " tu sarai l'arbitro della nostra rissa".