Il re Mida

Appunto inviato da af
/5

Versione tradotta dal latino all'italiano "Il re Mida" tratta da un brano di Igino. (Documento word, 1 pag.) (0 pagine formato doc)

IL RE MIDA IL RE MIDA MENTRE BACCO SE NE ANDAVA IN INDIA , SILENO , DAL QUALE ERA STATO EDUCATO , SI ALLONTANO' DAL SUO SEGUITO .
IL RE MIDA , SOVRANO DI QUELLA REGIONE , GLI OFFRI OSPITALITA' E GLI DIEDE UNA GUIDA PERCHE' POTESSE RICONGIUNGERSI A BACCO . PER CONTRACCAMBIARE IL SUO FAVORE , IL DIO PERMISE AL RE DI CHIEDERGLI QUALSIASI COSA VOLESSE . MIDA , AVIDO DI RICCHEZZE CHIESE CHE QUALSIASI COSA AVESSE TOCCATO DIVENTASSE D' ORO . OTTENUTO CIO' , OGNI COSA TOCCASSE DIVENTAVA D' ORO . APPENA COLSE UN MELA DALL' ALBERO , ESSA DIVENNE D' ORO , APPENA LAVO' LE MANI NELLA ACQUA DI FONTE , ESSA DEFLUENDO DIVENNE D'ORO . APPENA COMINCIO' A MANGIARE E A BERE QUALCOSA , IL CIBO E LE BEVANDE DIVENNERO D' ORO .
TUTTE LE COSE SPLENDEVANO D' ORO , MA IL RICCO E MISERO MIDA DESIDERAVA FUGGIRE LE RICCHEZZE CHE PRIMA PREDILIGEVA . L' ABBONDANZA D' ORO , NON PLACAVA INFATTI NE LA FAME NE LA GOLA ARIDA E AFFLITTA DALLA SETE . ALLA FINE ALZANDO LE MANI AL CIELO DISSE : “ PECCAI O BACCO , CONCEDIMI IL PERDONO E LIBERAMI DA QUESTO MAGNIFICO DONO “. BACCO GLI ORDINO' ALLORA DI IMMERGERSI NEL FIUME PACTOLO , QUANDO L' ACQUA DEL FIUME TOCCO IL CORPO DI MIDA , DIVENNE DI COLORE AUREO E IL RE FU LIBERATO DAL TERRIBILE DONO . IGINO