Il re Numa Pompilio e la ninfa Egeria

Appunto inviato da giulibimba
/5

Traduzione versione pag. 117 n. 10 del libro Nuovo comprendere e tradurre Volume 3 (1 pagine formato doc)

Numa Pompilio, del quale è evidente che nessuno dei re dei romani fu più famoso, si servì dell'astuzia per contenere i costumi sfrenati dei cittadini e restituire il rispetto verso gli dei.
Presso la roccaforte di Arcia non molto lontana dalla città di Roma, c'era un bosco sacro a Diana e li ci fu una volta una spelonca e una fonte d'acqua fredda. In quel luogo Numa si dirigeva nella notte e, allontanati tutti, entrava nella caverna e perdeva tempo di proposito, intanto essendo stati assaliti dalla paura e dalla venerazione, tutti quelli che aspettavano il re. Uscendo da quel luogo Numa fingeva riguardo la situazione della repubblica che aveva amministrato con la Ninfa Egeria e le Camene, alle quali il re aveva consacrato quello stesso luogo.

.