Il Re Numa Pompilio

Appunto inviato da luciano23
/5

Versione tradotta "Il Re Numa Pompilio" (1 pagine formato doc)

Succedit Romulo Numa Pompilius; il sacra et caerimonias omnemque cultum de orum in mortalium docuit, ille pontificies, augures, Salios ceteraque sacerdotia annumque in duodecim menses divisit, fastos dies nefastosque discripsit; ille ancilia atque Palladium, secretam imperii pignora, Ianumque geminum, fidem pacis ac belli honoravit, in primis focum Vestae virginibus dedit, ut ad simulacrum caelestium, custos imperii flamma vigilaret: omnia fecit quasi consilio deae Egeriae, quo maiorem auctoritatem haberet.
Denique ferocem populum humanum civilemque fecit, ut Romani, postquam vi et iniura occupaverant imperium, id nunc religione atque iustitia gubernarent. da Floro. Traduzione Succede a Romolo Numa Pompilio; egli educò le venerazioni e ogni culto degli dei mortali, egli pontefice, gli auguri, nominò i soli altri sacerdozi e divise l’anno in dodici mesi divise i propizi, il giorno e non propizi; egli onorò gli scudi sacri di Pallade e i segreti del comando pegno e Giano il gemello la garanzia di pace e di guerra, il primo focolare di vesta alle vergini, affinché nel simulacro del celeste, il custode del comando con la fiamma che veglia: fece tutte le cose con un.