Il sistema politico dei Galli

Appunto inviato da pilercio
/5

Quoniam ad hunc locum perventum est.... dal de bello gallico di Cesare. Testo in latino e traduzione relativa in italiano (1 pagine formato doc)

Quoniam ad hunc locum perventum est, non alienum esse videtur de Galliae moribus proponere Quoniam ad hunc locum perventum est, non alienum esse videtur de Galliae moribus proponere.
In Gallia non solum in omnibus civitatibus atque in omnibus pagis partibusque, sed paene etiam in singulis domibus factiones sunt, earumque factionum principes sunt qui summam auctoritatem habere existimantur. quorum ad arbitrium iudiciumque summa omnium rerum consiliorumque redeat. Idque eius rei causa antiquitus institutum esse videtur, ne quis ex plebe contra potentiorem auxilio careret: suos enim quisque opprimi et circumveniri non patitur, neque, aliter si faciat, ullam inter suos habet auctoritatem. Haec eadem ratio est in summa totius Galliae: namque omnes civitates in partes divisae sunt duas.
Cum Caesar in Galliam venit, alterius factionis principes erant Aedui, alterius Sequani. Poiché siamo giunti in questo luogo, non ci sembra inopportuno esporre i costumi della Gallia. In Gallia non solo tutti i popoli, le tribù e i gruppi, ma addirittura quasi tutte le famiglie sono divise in fazioni. A capo di esse sta chi è considerato più autorevole. A quanto pare, l'istituzione risaliva a tempi antichi, al fine di garantire alla gente del popolo sostegno contro i più potenti. Infatti, il capo di ogni fazione non permette che la sua gente subisca violenze o raggiri; in caso contrario, tra i suoi perde ogni autorità. Lo stesso sistema regola ogni aspetto della vita in Gallia, tant'è vero che tutti i popoli sono divisi in due fazioni. Al momento dell'arrivo di Cesare in Gallia, una fazione faceva capo agli Edui, l'altra ai Sequani.