Seneca saluta il suo Lucilio: traduzione

Appunto inviato da virginiasmaniotto
/5

brano di Seneca che si rivolge al suo amico Lucilio (1 pagine formato doc)

Seneca saluta il suo Lucilio: traduzione. 1.    Fai così, Lucilio mio: liberati per te stesso, e il tempo che finora o ti veniva tolto o ti era sottratto o andava perso, raccoglilo e conservalo.
Persuaditi che le cose stanno così come scrivo: alcuni momenti ci vengono tolti altri ci vengono sottratti, altri scorrono via.

Leggi anche Le epistole di Seneca: traduzione

Tuttavia la peggior perdita di tempo è quella che avviene a causa della nostra negligenza e se vorrai prestare attenzione gran parte della vita ci sfugge mentre compiamo il male, la maggior parte mentre non facciamo nulla, tutta la vita mentre facciamo altro.
2.    Chi mi darai che assegni qualche valore al tempo, che valuti il peso di un giorno, che capisca che ogni giorno muore? In questo infatti ci inganniamo, nel fatto che guardiamo la morte davanti a noi. Gran parte di essa è già passata.
Tutto il tempo che sta dietro di noi lo tiene la morte.

Leggi anche Riassunto approfondito su Seneca

Ovunque, o mio Lucilio, fai ciò che scrivi di fare, abbraccia ogni ora; così accadrà che tu dipenda meno dal domani se metterai le mani nell’oggi. Mentre si rinvia la vita passa.