Utilità dei libri

Appunto inviato da voodoodolly
/5

Versione di latino (1 pagine formato doc)

Un uomo illustre e ricco viveva a Roma.
Costui, essendo inoltre dotto e amante della letteratura mandò il figlio ad Atene per apprendere gli insegnamenti dei filosofi greci e dei retori e perché portasse a termine gli studi della letteratura. Ma il figlio, dopo che giunse ad Atene, attratto dai divertimenti della città, trascorreva il tempo con gli amici in banchetti e giochi, trascurando gli studi della letteratura. Dopo pochi mesi, poiché aveva sperperato l’intero patrimonio donatogli dal padre e poiché si trovava in grande bisogno, spedì una lettera al padre per chiedergli del denaro. Al figlio il padre rispose: “O figlio mio, ti manderò del denaro quando avrai abbandonato la tua vita oziosa.
Riprendi gli studi della letteratura e rivolgi la tua attenzione ai libri, i libri infatti ti offriranno sempre sostegno e ardore!”. Letta la lettera del padre, il giovane vendette molti suoi libri per ottenere il cibo, gettò gli altri nel fuoco affinché il suo corpo che congelava per il freddo dell’inverno, si riscaldasse.