Vaticini e prodigi, versione

Appunto inviato da alessiofebbrile99
/5

testo e traduzione del brano tratto da Livio, contenuta nel libro di testo "Sermo et humanitas" (1 pagine formato doc)

Vaticini e prodigi, versione.
Vaticini e prodigi. Testo originale: Postquam P. Licinius Crassus pontifex maximus mortem obiit, pontifex maximus est creatus C. Servilius Geminus, in cuius locum M. Sempronius Tuditanus pontifex cooptatus est. In P. Licinii funere visceratio populo data est et gladiators centum et viginti in circo pugnaverunt et ludi funebres per triduum facti sunt.

Leggi anche Traduzione Livio: Ab urbe condita, capitolo 16

Post ludos epulum plebi oblatum est, in quo, quotiamo triclinia toto foro strata erant, saeva tempestat cum vento imbreque repente coorta coegit cives tabernacula statuere in foto; paulo post, cum undique disserenavit, tabernacula sublata sunt. Itaque tandem omnes metum ab ancipiti vaticinio motum deposuerunt.
Nam vates cecinerant: “Mox tabernacula statuentur in foro!”. Paulo post Romani altera religione capti sunt, quod sanguine pluerat per biduum in area ante Vulcani templum; et per decemviros supplicatio indicta est eius prodigii expiandi causa. 
(da Livio)

Leggi anche Traduzione Livio: Il trattato di Annibale

Traduzione: Dopo che Publio Licinio Crasso, pontefice massimo, morì, fu eletto come pontefice massimo Gaio Servilio Gemino, nel paese del quale Marco Sempronio Tuditano fu nominato pontefice. Durante il funerale  di Publio Licinio, fu offerta al popolo della carne, centoventi gladiatori combatterono nel circo e i giochi funebri furono fatti per tre giorni.