Versioni di sallustio e livio

Appunto inviato da galatriel
/5

Esordio Filosofico, Il ritratto di Catilina, La carriera, Sempronia, Il campo di battaglia dopo l’ultimo scontro, La secessione della Plebe, L’apologo di Menenio Agrippa (2 pagine formato doc)

Esordio Filosofico Esordio Filosofico Tutti gli uomini, che spirano a essere superiori agli altri animali, conviene che si adoperino con la massima forza, affinché non trascorrano la vita nel silenzio come le bestie, che la natura creò prone e obbedienti al ventre.
Ogni nostra forza è situata nell'anima e nel corpo: dell'anima utilizziamo più il potere, del corpo più l'obbedienza; una è a noi comune con gli dei, l'altra con le bestie. Perciò mi sembra più giusto cercare la gloria con le forze dell'ingegno che con le forze fisiche e, poiché la vita stessa di cui usufruiamo è breve, rendere il ricordo di noi il più duraturo possibile. Infatti la gloria delle ricchezze e della bellezza è fugace e fragile, la virtù è considerata illustre e eterna.
A lungo tra i mortali ci fu una grande discussione se l'arte militare riuscisse di più con il vigore del corpo o con il valore dell'animo. Infatti sia prima di cominciare bisogna riflettere sia, dopo aver riflettuto, bisogna agire opportunamente; così mancando entrambe di per se agiscono l'una con l'aiuto dell'altra. Il ritratto di Catilina Lucio Catilina, nato di nobili origini, fu di grande forza sia dell'animo sia del corpo ma di indole malvagia e depravata. A questo fin dall'adolescenza furono gradite guerre intestine uccisioni rapine discordie civili, trascorse in mezzo a queste la sua gioventù. Il corpo tollerante del digiuno del freddo della veglia più di quanto da chiunque è credibile. L'animo sfrontato ingannevole mutevole, simulatore e dissimulatore di qualsivoglia sentimento, abbastanza eloquenza poca sapienza. L'animo insaziabile desiderava sempre cose smoderate incredibili troppo alte. Questo dopo la dominazione di Lucio Silla era invaso dal grandissimo desiderio di impadronirsi della repubblica e non si curava affatto in quali modi ciò era ottenuto, purché egli acquisisse il potere. L'animo feroce era agitato sempre di più nei giorni per la scarsità del patrimonio familiare e per la coscienza dei delitti che entrambi con i suoi comportamenti, che sopra ho ricordato, aveva aumentato. Inoltre lo incitavano i costumi corrotti della città, che ospitavano due mali pessimi e diversi tra loro: la lussuria e l'avarizia. Questo stesso argomento sembra esortarmi, poiché l'occasione mi ha ricordato dei costumi corrotti dei cittadini, a ritornare indietro e a esporre in breve gli istituiti degli antenati in pace e in guerra, in che modo abbiano avuto la repubblica w quanto grande l'abbiano lasciata, e come mutando a poco a poco si sia fatta da nobilissima e migliore a sciagurata e corrotta. La carriera Fin dalla prima giovinezza Catilina aveva fatto molte azioni empie, con un vergine nobile, con una sacerdotessa delle Vestali, altre di tal maniera contro il diritto divino e umano. Infine preso dall'amore per Aurelia Orestilla, della quale mai uomo dabbene lodò nulla fuorché la bellezza, poiché ella dubitava di sposare quello, temendo il figliastro di età adulta, si ritiene per certo che, ucciso il figlio