Vizi e virtù di Alcibiade

Appunto inviato da roberta1992
/5

Versione di latino (1 pagine formato doc)

Alcibiade, figlio di Clinia, fu un ateniese.
Nessuno fu più forte(eccezionale) di Alcibiade né in vita né in virtù così come tutti gli scrittori tramandano delle cose. Nato in una grandissima città, era di genere supremo; il più bello tra gli amici, era fornito di tutte le cose del pieno consiglio, e, infatti, fu il sommo imperatore di mare e di terra, fu eloquente, laborioso, paziente, liberale, splendido non meno nel pensiero che nel modo di vivere, ma anche lussuoso, dissoluto, intemperante: n un solo uomo c’era così una grande diversità e un così diverso carattere. Ebbe come suoceri Nipponico, il più ricco di tutti i greci: infine comportamento e fortuna avevano attribuito ad Alcibiade cose molto buone.
Tutte le volte che camminava in pubblico, tutti gli occhi erano puntati verso di lui; aveva accattivato molti cittadini con la sua bontà ma anche con molte opere nel foro.